reliquiario - a ostensorio, serie - bottega fiorentina (metà sec. XVIII)

reliquiario a ostensorio, ca 1750 - ca 1751

Base mistilinea inflessa e gradinata; il piede e il fusto -traforati- sono formati da volute affrontate, la teca, a luce mistilinea, è circondata da una cornice modanata. Il reliquiario termina superiormente in una crocetta apicale tornita. Nella teca le reliquie sono le originarie; sul retro 3 ceralacche con stemma arcivescovile (banda accostata in capo e in punta da leoni, correnti, al capo d'Angiò; al di sopra dello scudo è un cappello arcivescovile con 10 nappe disposte 1.2.3.4). L'altro reliquiario della serie, reca invece sul retro 5 ceralacche con stemma vescovile (banda caricata di tre stelle; al di sopra dello scudo è un cappello vescovile con 6 nappe disposte 1.2.3)

  • OGGETTO reliquiario a ostensorio
  • MATERIA E TECNICA legno/ intaglio/ doratura
  • AMBITO CULTURALE Bottega Fiorentina
  • LOCALIZZAZIONE Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il 19 dicembre 1750 il sacerdote Niccolò del Riccio, camarlingo dello Spedale degli Innocenti, donò alla Compagnia detta "Buca di S. Girolamo" "due reliquiari in legno intagliati e dorati", con l'autentica del vescovo di Fiesole (ACSG, Deliberazione e Partiti 1723-1751, c. 876). L'anno successivo, il 10 Luglio, furono dallo stesso prete regalati alla Confraternita altri 2 reliquiari uguali a quelli già offerti in precedenza, accompagnati questa volta dall'autentica della curia fiorentina" (ivi, c. 826, in realtà 886 r). Gli stemmi sulle ceralacche permettono di risalire all'anno di donazione dei due reliquiari superstiti: quello fotografato reca lo stemma di Francesco Gaetano Incontri (arcivescovo di Firenze dal 1741 al 1781, cfr.Calzolai 1970, p.29) e dunque fu regalato nel 1751; l'altro presenta l'arme di Francesco Maria Ginori, vescovo di Fiesole dal 1375 al 1775 (cfr. Passerini 1876, pp. 76-77) e pertanto risaliva all'anno precedente. Una simile datazione entro la metà del secolo ben si addice ai reliquiari in esame per la leggerezza ed eleganza dell'intaglio e della struttura traforata comune a numerosissimi arredi analoghi presenti nella regione
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900195039
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1988
  • ISCRIZIONI nella teca entro cartigli (in un reliquiario) - "Ex pelle S. Gherardi a Villamagna Conf" "Ex Oss. S.Galgani Conf.senen" "Ex Oss. S.Octaviani Conf" "Ex Veste B.Thomae a Florentia vulgo da Rieti" - stampatello minuscolo - a inchiostro - latino

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1750 - ca 1751

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE