pie donne al sepolcro

dipinto, ca 1622 - ca 1623
Francesco Curradi
1570/ 1661

n.p

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • ATTRIBUZIONI Francesco Curradi
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Palatina e Appartamenti Reali
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO Piazza Pitti 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La lunetta raffigura l'episodio evangelico dell'angelo che seduto sul sepolcro di Cristo annuncia alle tre pie donne che Cristo appunto è risorto. Essa fa parte di un ciclo di sette tele di formato centinato raffiguranti episodi della vita di Santa Maria Maddalena, tratte dai Vangeli e dalla leggenda. Le sette lunette provengono dalla cappella della villa del Poggio Imperiale, scomparsa nelle ristrutturazioni lorenesi della villa stessa: qui sono descritte da un inventario del 1654 e da un altro del 1691. Rimasero al Poggio Imperiale fino al 1773 quando Pietro Leopoldo concentrò i dipinti medicei agli Uffizi. La commissione della decorazione della cappella è dovuta alla granduchessa Maria Maddalena d'Austria, legatissima alla villa e devota della Santa eponima, che la affidò a Francesco Curradi. Come nota la Cuzzocrea la serie può essere datata al tempo della ristrutturazione della villa affidata a Giulio Parigi, tra il 1622 e il 1623. A queste date riconduce anche l'analisi stilistica dei dipinti, ancora molto legati alla cultura del Cigoli e con una trattazione del paesaggio che ricorda quella del Narciso eseguito dal Curradi nel 1622
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900192890
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 2007
  • ISCRIZIONI sul telaio su cartellino - 2028.A (?) 833 (barrato rosso) - numeri arabi - a stampa -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Francesco Curradi

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1622 - ca 1623

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'