Apoteosi di Ercole

soffitto dipinto,
Giuseppe Pinzani (attribuito)
notizie dal 1724/ 1740

Intorno al riquadro centrale corre una balaustra in pietra, dipinta a monocromo grigio

  • OGGETTO soffitto dipinto
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • ATTRIBUZIONI Giuseppe Pinzani (attribuito)
  • LOCALIZZAZIONE Villa Puccini
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'affresco ripropone il mito di Ercole, l'invitto eroe simbolo del coraggio e dell'ingegno umano, premiato per le sue dolorese vicissitudini con l'ascesa all'Olimpo. Il Tanzini (vedi bibl.) ci informa che questo soffitto fu dipinto da Pier Dandini (Firenze, 1646-1712) per il cav. Tommaso Puccini, costruttore della Villa di Scornio: lo stesso pittore eseguì anche un ritratto dell'anatomista pistoiese, ora in deposito presso il Museo Civico di Pistoia. Con il Dandini dovrebbe aver collaborato Rinaldo Botti (Firenze 1650-60 -1670), il quadraturista spesso a fianco del Dandini, ricordato tra i pittori assunti per i lavori nella villa (vedi I monumenti del Giardini Puccini, Pistoia, 1845, p. 137). Tuttavia, un esame accurato del testo figurativo, permette di dubitare di questa attribuzione, indicando invece come autore dell'affresco Giuseppe Pinzani (Firenze ? - 1740), attivo in altre sale della villa (vedi scheda relativa), a un data prossima la 1725, quando furono eseguiti pure gli affreschi dal Lapi e dal Ferretti. Si potrebbe allora supporre che il contratto stipulato dal Puccini con Pier Dandini non sia stato rispettato, forse per la morte del pittore e un nuovo gruppo di contratti siano stati stipulati successivamente con gli altri artisti che in effetti eseguirono le decorazioni, cioè Lapi, Ferretti, Pinzani
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900156359
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici delle province di Firenze, Pistoia e Prato

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'