San Francesco d'Assisi riceve le stimmate

placchetta, post 1300 - ante 1349
Giotto, Scuola
1266 ca./ 1337

Dipinto applicato su lastra di vetro cuspidata (vetro églomisé) e raffigurante san Francesco d'Assisi inginocchiato a sinistra mentre riceve le stimmate. Incorniciano il dipinto sette piccole lastre di vetro quadrangolari con girali di foglie nero su oro o viceversa. Le piccole lastre sono saldate tra loro e alla maggiore con stagno e circondate da una cornice in legno intagliato e dorato

  • OGGETTO placchetta
  • MATERIA E TECNICA vetro/ doratura/ pittura
    legno/ intaglio/ doratura
    STAGNO
  • MISURE Altezza: 30.5 cm
    Larghezza: 33.2 cm
  • ATTRIBUZIONI Giotto, Scuola: esecutore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale del Bargello
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo del Bargello o del Podestà già del Capitano del Popolo
  • INDIRIZZO v del Proconsolo, 4, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La pittura su vetro, conosciuta nell’Oriente arcaico e classico e poi a Roma, venne sviluppata anche nel sec.XVIII per opera del francese Glomy, che ideò la tecnica di “encadrer le verre de filets peints et dorés sur le verre lui-meme à l’envers” (BONNAFFE’ in “Chronique des Arts”, 1884, cir. da E.MOLINIER, Les peintures sous verre, in AA.VV., La collection Spitzer, Paris 1891, III, pp.54-55); questo procedimento di disegno ed incisione su foglio d’oro applicata poi sul retro di una lastra di vetro, diverso dalla crisografia e trattato anche dal Cennini nel suo Libro dell’Arte, fu detto églomisè in omaggio al suo “ideatore”; il termine fu poi divulgato da studiosi e collezionisti, non ultimo Jean-Baptiste Carrand (1825), proprietario della collezione omonima donata al Bargello da suo figlio Louis e che comprendeva anche questa placchetta con San Francesco. Stilisticamente (v.scheda di S.PETTENATI 12989) il grazioso lavoro è stato attribuito da TOESCA (1908) alla scuola fiorentina e alla seconda metà del sec.XIV, mentre SWARZENSKI (1933) lo avvicina alla tavola con San Francesco di Giotto (Parigi, Louvre, già nel San Francesco di Pisa): ed in effetti (PETTENATI 1989) il nostro vetro è molto vicino alla tavola giottesca, sia cronologicamente che come stile; per DEGENHART e SCHMIDT (1968) è di autore fiorentino post-giottesco, con richiami al Cristo tra la Madonna e San Giovanni di Fiesole (Museo Bandini)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900130750
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA I Musei del Bargello - Museo Nazionale del Bargello
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1991

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giotto, Scuola

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1300 - ante 1349

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'