SANTA MARIA MADDALENA PENITENTE

dipinto, 1540 - 1560

Sullo sfondo di un paese boscoso la Maddalena con tunica rosacea e manto verdognolo medita appoggiata ad un masso su cui sono due libri, uno chiuso ed uno aperto, ed il Crocifisso. Ha in mano il vasetto per l'unguento ed un filo di perle con 'gioia' al collo. Cornice intagliata e dorata della fine del '600, con ghirlande di frutta, riccioli e foglie d'acanto e strigliatura elicoidale

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 71.4
    Larghezza: 43.8
  • ATTRIBUZIONI Meldolla Andrea Detto Schiavone (1510-1515/ 1563)
  • ALTRE ATTRIBUZIONI Vecellio, Marco
    Caliari Carletto
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale di Palazzo Mansi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Mansi
  • INDIRIZZO via Galli Tassi, Lucca (LU)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Tra i dipinti appartenenti alla collezione di 'piccolo formato' del gran principe Ferdinando a Poggio a Caiano, la Strocchi (1976), tra le opere non rintracciate, ne indica una, attribuita a Marco Vecellio, così descritta: 'Una grotta entrovi Santa Maria Maddalena penitente, vestita di rosso, scalza, stracciata ed in parte spettorezzata con manto verdognolo su le spalle, che li arriva fino a terra; ha il capo accomodato con treccia ed un nastro rosso ed alcune perle fra i capelli et ha un filo di perle lungo che li pende dal collo, in fine del quale vi è una gioia: sta appoggiata ad un masso con la vita in atto di sedere, et ha una mano distesa su il suddetto masso, e con l'altra mano tiene un vaso e sta in atto di contemplare un Cristo in croce, a pie' della quale vi sono due libri, che uno serrato e legato con certi nastrini, e l'altro aperto, e da una parte su in alto vi è la veduta di un poco di paese'. Dato che anche le misure corrispondono, non appare dubbia l'identificazione con questa tela che, lo ripetiamo, giunse a Lucca con la tradizionale attribuzione a Marco Vecellio. Il Campetti (1909), non senza ragione, propose quella a Carletto Caliari, che dalla Belli Barsali (1970) venne mutata in quella ad Andrea Schiavone. Se pure provvisoriamente accettabile, non si può passare sotto silenzio che l'opera mostra riferimenti precisi proprio con la produzione del figlio del Veronese, quale è attualmente nota, mentre il corpus oggi ricostruito delle pitture di Andrea Meldolla presenta un tocco meno sostenuto, disegno meno definito, virtuosismi compositivi maggiori
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900067715
  • NUMERO D'INVENTARIO Com. 124
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Museo di Palazzo Mansi - Lucca
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico artistico e demoetnoantropologico di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 1977
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1998
    2006
  • ISCRIZIONI Sul retro della tavola - R. GUARDAROBA GENERALE/ N. 7986 - corsivo - a pennello -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Meldolla Andrea Detto Schiavone (1510-1515/ 1563)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1540 - 1560

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'