Madonna del Popolo. Madonna che intercede per il popolo

dipinto, 1579 - 1579

Personaggi: Cristo; Madonna. Figure: angeli; putti; cavaliere di Malta (?); suonatore cieco; storpio; gentiluomini della confraternita; astanti; dame; popolana; astanti. Abbigliamento: contemporaneo; all'antica. Architetture: gradini; case; loggiato. Oggetti: medaglione; rosario; gioielli; libro; cesta; scialle; ghironda; moneta; bisaccia; punteruolo; fiaschetta; ghirlande di fiori. Animali: cane. Simboli: (Spirito Santo) colomba

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tavola/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 359
    Larghezza: 252
  • ATTRIBUZIONI Federico Detto Barocci
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria degli Uffizi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo degli Uffizi
  • INDIRIZZO Piazzale degli Uffizi, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il dipinto fu acquistato dal granduca Pietro Leopoldo senza la lunetta che lo sormontava in origine (raffigurante il Padreterno e oggi al museo di Arezzo in deposito dalla Fraternita' dei laici) e trasferito a Firenze. A sostituirlo fu spedita da Firenze una 'Salita al Calvario' di Bernardino Poccetti proveniente dalla ex chiesa di S. Cecilia a Firenze attualmente nella Pinacoteca di Arezzo (inv. n. 47). Freedberg evidenzia la duplicità del ruolo della Madonna in questa composizione, rappresentata sia come 'Madonna della Misericordia' (per la presenza di personaggi quali lo storpio, il cieco ecc. che fanno riferimento alle 'Sette opere di Misericordia') sia come Madonna Mediatrice. Ad Arezzo presso l'archivio della fraternita dei laici è stata trovata la corrispondenza tra Barocci e i confratelli
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900034990
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE L. 41/1986
  • DATA DI COMPILAZIONE 1975
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1988
    2002
    2006

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Federico Detto Barocci

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1579 - 1579

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'