Madonna con Bambino e tre angeli

disegno, ca 1750 - ca 1799

Disegno a penna e inchiostro bruno con acquerellature dello stesso inchiostro e pochi tratti sovrapposti di inchiostro nero apparentemente non coerenti. Rappresenta la Madonna, seduta, con il corpo di tre quarti verso sinistra e il volto di profilo, con in braccio un fanciullino con la testa volta verso destra e, in secondo piano, tre angioletti che prendono dell’uva da una coppa che la Madonna regge con la mano destra. Alle spalle del gruppo un accenno di tronco d’albero. Ai margini del foglio è tracciata una cornice a matita (?) nera. Il foglio è incollato per il margine superiore ad un supporto in carta marroncina. Verso: abbozzo di figura chinata su una larga coppa (?)

  • OGGETTO disegno
  • MATERIA E TECNICA carta bianca/ acquerellatura
    carta bianca/ inchiostro a penna
    carta bianca/ matita nera
    carta bianca/ inchiostro di china
    carta bianca/ inchiostro bruno
  • ATTRIBUZIONI Antonio Bresciani (attribuito)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Nazionale di Parma
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo della Pilotta
  • INDIRIZZO Piazzale Pilotta 13 A, Parma (PR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Nell'Inventario generale corrente, manoscritto del 1938-39 e anni seguenti, conservato presso la Soprintendenza BSA di Parma e Piacenza è indicato come "Madonna con Bambino e tre angeli", di Bresciani, a penna e acquarello, in buono stato di conservazione. Può costituire una fonte di confronto per le notizie relative ad opere di Antonio Bresciani il manoscritto "Le Memorie dell'opere dipinte ed incise in rame d'Antonio Bresciani da lui favoritemi", scritte da Alessandro Sanseverino nel 1791, documento conservato nella raccolta miscellanea ms. 118 (T), conservata presso la Soprintendenza BSA di Parma e Piacenza: l’elenco dei dipinti e delle incisioni, fornito dallo stesso pittore all’estensore dell’inventario, è suddiviso per date e molto dettagliato. Non è semplice tuttavia individuare, fra i moltissimi titoli, se e in che misura il disegno in esame abbia potuto in qualche modo fungere da strumento preparatorio per una delle molte Madonne con Bambino e con altre figure presenti nel catalogo del pittore. Bresciani è noto per l’ingente corpus di incisioni di traduzione da opere parmensi e piacentine, ma anche per le incisioni da Guercino. Notevole anche la produzione di disegni, studiati a più riprese da Copertini, Bertini, Cirillo e Godi, pervenuti alla Biblioteca Palatina per la maggior parte dalla collezione Ortalli. Nel disegno in esame la consuetudine dell’osservazione dei maestri parmensi del Cinquecento è evidente, tanto da arrivare a produrre – come farà Biagio Martini – opere “in stile” sebbene declinate da un gusto neoclassico che ne ferma lo slancio vitale
  • TIPOLOGIA SCHEDA Disegni
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800636139
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 2016
  • ISCRIZIONI sulla taghetta incollata sul passepartout, in basso a destra - ANTONIO BRESCIANI – Madonna col Bambino e tre angioli/ inv. n. 1216/ a penna ed acquarello su carta bianca/ cm. 21,2 x 16,9 - moderna - maiuscolo - a matita -
  • LICENZA CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Antonio Bresciani (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1750 - ca 1799

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'