testa d'uomo di profilo

gemma, ca 1500 - ca 1649

Diaspro verde scuro con chiazze rosse (diaspro sanguigno o eliotropio). Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 3. Testa maschile di profilo verso s., con capelli cinti da corona d'alloro legata sulla nuca un con nastro, appiattiti sulla calotta, ricadenti a ciocche intorno al volto e sul collo; grande naso aquilino; l'occhio è reso da due trattini a V; il mento, la bocca e la base del naso da quattro tratti paralleli; il busto è reso mediante due piccoli incavi ovaleggianti alla base del robusto collo

  • OGGETTO gemma
  • MATERIA E TECNICA diaspro verde/ intaglio
  • MISURE Lunghezza: 16 mm
    Spessore: 2.5 mm
    Larghezza: 13 mm
  • AMBITO CULTURALE Produzione Italiana
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Estense
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo dei Musei
  • INDIRIZZO largo Sant'Agostino, 337, Modena (MO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Per le caratteristiche stilistiche ed iconografiche la raffigurazione può trovare un riscontro nei ritratti prodotti secondo E. Zwierlein-Diehl in massa nel corso del XVI e nella prima metà del XVII secolo, cui si riferiscono le gemme con teste di questo tipo presenti nella collezione glittica del Kunsthistorisches Museum di Vienna, provenienti prevalentemente dalle raccolte Ambraser e d'Este (AG Wien III, tav. 178, nn. 2540/17 e /25: corniola: "testa di re" con corona radiata; n. 2540/28: corniola, testa di imperatore (?) con corona d'alloro). Per quanto riguarda l'officina di provenienza, cfr. E. Zwierlein-Diehl, Antikisierende Gemmen des 16.-18. Jahrhunderts, in: T. Hackens, G. Moucharte (ed.), Technology and Analysis of Ancient Gemstones, Proceedings of the European Workshop, Ravello 13-16 Novembre 1987, PACT Belgium 1989; inoltre, AG Wien III, p. 25. Nell'ambito di questo tipo di produzioni, che comprendono ritratti variamente connotati (teste maschili con corona radiata; teste maschili con corona d'alloro; teste maschili o femminili senza corona), ma tra loro stilisticamente affini, possono rientrare anche exx. di altre collezioni, ad es.: D'Agostini 1984, p. 40, nn. 58-59 (corniola e lapislazzuli, ma con attribuzione al III-IV sec. d.C.); Maaskant-Kleibrink 1986, nn. 175-176 (lapislazzuli: con riferimento ad analogie con ritratti monetali di Tetrico); Mandrioli Bizzarri 1987, pp. 124-126, nn. 252-253 (diaspro verde, ma con attribuzione al III-IV sec. d.C.), n. 256 (corniola, ma con attribuzione al II-III sec. d.C.) e n. 257 (lapislazzuli, ma con attribuzione al III-IV sec. d.C.)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800285932
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA GALLERIA ESTENSE
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Modena e Reggio Emilia
  • DATA DI COMPILAZIONE 2007
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2012

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1500 - ca 1649

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE