Figura femminile seduta con patera e aquila ai piedi

gemma, (?) 150 - (?) 299

Agata stratificata rosso-arancione e bianca. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 6. Figura femminile seduta di tre quarti verso d., con la testa di profilo a d., su un sedile o trono senza schienale; con i capelli raccolti in un rotolo intorno al viso e vestita di solo himation che avvolge le gambe, incrociate (è invece solo accennata la parte inferiore del lembo che dovrebbe scendere dalla spalla d.); il braccio d. è piegato verso l'alto, nell'atto di appoggiarsi ad un'asta o scettro (che però dovrebbe esserci, come indica la posizione della mano); nella mano s. protesa tiene una patera; sulla d., ai suoi piedi, un'aquila di tre quarti verso d., con la testa retrospiciente. Linea di base

  • OGGETTO gemma
  • MATERIA E TECNICA agata/ intaglio
  • MISURE Lunghezza: 11 mm
    Spessore: 4.5 mm
    Larghezza: 9.5 mm
  • AMBITO CULTURALE Produzione Romana
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Estense
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo dei Musei
  • INDIRIZZO largo Sant'Agostino, 337, Modena (MO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La raffigurazione presenta problemi di identificazione, perché se da un lato nell'impostazione generale è indubbio il riferimento al tipo iconografico di Zeus-Giove seduto in trono con scettro e patera, dall'altro appare però altrettanto evidente che nell'esito finale ad essere rappresentata sia in realtà una figura di sesso femminile, come denota chiaramente il modellato del corpo, ma in particolare l'evidenziazione dei seni. Altrettanto evidente appare anche il fatto che alcuni particolari, come il lembo di himation che dovrebbe ricadere dalla spalla d. e l'asta o scettro cui dovrebbe appoggiarsi il braccio d., siano solamente pensati, ma non portati a termine, quasi come se da parte dell'intagliatore fosse subentrato in corso d'opera un ripensamento rispetto all'idea di partenza. Non si può però neppure escludere a priori che l'intagliatore abbia più semplicemente frainteso il modello di riferimento, anche se ciò appare forse meno probabile, considerati la grande diffusione ed il forte grado di standardizzazione raggiunti nell'ambito della glittica romana dal motivo in questione (cfr. n. 375 = 00285625)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800285642
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA GALLERIA ESTENSE
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Modena e Reggio Emilia
  • DATA DI COMPILAZIONE 2007
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2012

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE