angeli musicanti in gloria

decorazione pittorica, 1700 - ante 1722
Alessandro Baratta
1639/ 1714
Ilario Spolverini
1657/ 1734

Figure: santi certosini; angeli musici; cherubini. Decorazioni: colonnato; capitelli; pilastri; balaustrate; cornici; cartigli; fregi decorativi geometrici; fregi decorativi vegetali. Strumenti musicali

  • OGGETTO decorazione pittorica
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • ATTRIBUZIONI Alessandro Baratta
    Ilario Spolverini
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Chiesa dell'Epifania
  • INDIRIZZO Strada della Certosa, Parma (PR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Nei tre sottarchi abbiamo la solita decorazione scenografico-architettonica che incornicia tre finestre; ai lati due santi certosini in vari atteggiamenti. Nelle quattro volte a botte abbiamo al centro angeli musici entro occhi di cielo mentre ai lati vi sono angeli che suonano e cantano affacciati a balconi con colonne e architetture in prospettiva. Anche qui la decorazione architettonica è dovuta al Baratta mentre le figure competono allo Spolverini, che qui lavorava quando era ancora un apprendista prima di diventare famoso e apprezzato pittore di battaglie. In particolare, si nota una palese diversità tra gli angeli, con la loro rigidità e bambolesca rotondità, e i vescovi della cupola e i santi del tamburo e dei sottarchi, che non solo è dovuta ad una diversità di soggetto ma proprio a una diversa mano
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800123838
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 1977
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1998
    2006

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Alessandro Baratta

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ilario Spolverini

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1700 - ante 1722

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'