tabacchiera a flacone - ambito cinese (XVIII)

tabacchiera a flacone,

Tabacchiera in flacone detta anche "snuff bottle" in porcellana bianca e blu. Data l’iscrizione sulla porta, la scena è ambientata nella parte nord-ovest di Pechino. Ci sono due uomini – probabilmente mercanti – che spingono un carretto verso la porta della città, dietro di loro c’è un uomo a cavallo armato. In questo caso, la porta è lo sfondo, circondata da rocce e vegetazione, mentre i tre uomini sono in primo piano; si possono vedere anche delle montagne in lontananza. Sotto la base presenta un marchio riportante l'anno di fabbricazione

  • OGGETTO tabacchiera a flacone
  • MATERIA E TECNICA PORCELLANA
  • AMBITO CULTURALE Ambito Cinese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo di Antropologia dell'Università degli Studi di Padova
  • LOCALIZZAZIONE Complesso Cavalli
  • INDIRIZZO Via Giotto, 1, Padova (PD)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE In Cina il consumo di tabacco, in particolare di quello da fiuto, si diffuse ampiamente alla fine del XVI secolo. La pratica venne adottata sia dalle classi agiate che da quelle operaie, dando vita ad un oggetto specializzato: le tabacchiere a flacone, meglio conosciute con la definizione inglese di "Snuff Box". Il vetro, lucidato per ore come una pietra preziosa e mescolato con diversi ossidi metallici, era il materiale preferito dai produttori di tabacchiere a flacone, anche se esistono esemplari in pietra o metallo (giada, quarzo, lapislazzuli, calcedonio, nefrite, oro) e materiali naturali (avorio, corallo, madreperla, tartarugato, bambù). Per realizzare questi capolavori in miniatura venivano utilizzate anche la terracotta e la porcellana, un'invenzione cinese. Generalmente chiuse da un tappo di giada al quale era attaccato un minuscolo cucchiaio per servire il tabacco, i flaconi spesso recano la firma dell'artigiano e un'iscrizione che specifica il periodo di fabbricazione. Grazie a questo particolare sappiamo che l'età dell'oro delle "snuff bottles" fu sotto gli imperi di Qianlong (1736- 1795), Chia Ching (1796-1820) e Tao Kuang (1821-1850). Un grande sviluppo formale ed estetico si ebbe solo verso l’inizio del Settecento, nell’epoca in cui imperatore era Kangxi che era un abituale fiutatore. All’epoca risale anche la prima menzione scritta sulle snuff bottles, contenuta nello “Xiang Zu Bi Ji” (“Note sulle fragranze per un antenato”), compilato dal cortigiano Wang Shizhen nel 1703-1704. Tuttavia, le maggiori innovazioni si situano in un momento ancora successivo, durante il regno dell’Imperatore Qianlong (regno 1736-1795)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500708347
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Museo d'Arte Orientale - Polo Museale del Veneto
  • ENTE SCHEDATORE Museo d'Arte Orientale - Polo Museale del Veneto
  • DATA DI COMPILAZIONE 2020
  • ISCRIZIONI al centro - 西直门 - ideogrammi - a pennello - cinese
  • STEMMI sotto la base - datazione - Marchio - Regno dell'imperatore Qianlong (1736-1795) - 1 - Marchio in caratteri cinesi scritti in stile “kaishu” (scrittura regolare), realizzati in blu cobalto, che indica l’era di Qianlong. La trascrizione è: 乾隆年製 (“Realizzato durante il regno dell’imperatore Qianlong”)

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE