dolente che omaggia la tomba di un caduto

monumento ai caduti a lapide, ca 1926 - ca 1926

Il monumento a lapide è costituito da un bassorilievo marmoreo che sormonta l’epigrafe con la dedicazione e l’elenco dei 26 caduti della Grande Guerra; l’insieme è completato dai sottostanti peducci (che portano scolpiti gli estremi cronologici del conflitto) e da una cornice superiore aggettante per proteggere il rilievo scultoreo dalla pioggia. La composizione presenta una figura femminile inginocchiata col capo velato nell’atto di omaggiare la tomba di un caduto con una ghirlanda. Sopra il cornicione, entro la facciata di un’ara, un secondo bassorilievo raffigura il profilo di un alpino tra racemi vegetali, completato nella parte superiore da una fiamma perpetua in ferro, adagiata sopra un fascio littorio. L'opera è collocata alla base del campanile della parrocchiale di San Marco Evangelista di Venas

  • OGGETTO monumento ai caduti a lapide
  • MATERIA E TECNICA marmo/ modanatura
    bronzo/ fusione
    marmo/ scultura
    marmo/ pittura
  • MISURE Altezza: 3.60 m
    Larghezza: 1.90 m
  • ATTRIBUZIONI De Annibale Lotto (attribuito): scultore
  • LOCALIZZAZIONE campanile
  • INDIRIZZO via Roma, Valle di Cadore (BL)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il monumento ai caduti della Grande Guerra di Venas, località del comune bellunese di Valle di Cadore, venne inaugurato nel 1926, come riporta l'iscrizione sulla lapide commemorativa. Voluta dai parrocchiani locali, è attribuita da Massimiliano De Grassi, pur senza sostegno documentario, allo scultore Annibale De Lotto, esecutore di numerosi monumenti ai caduti nel territorio veneto (si veda il campo OSSERVAZIONI). L'assegnazione all'artista sanvitese è esemplata sul confronto con la lapide ai caduti della chiesa dei Santi Apostoli a Venezia, firmata nel 1924; le due figure di dolenti presenti in entrambe le opere risultano, per De Grassi, comparabili "stilisticamente e per tematica". Nel recente contributo di D'Andrea sui monumenti ai caduti cadorini, l'opera di Venas è assegnata senza dubbio a De Lotto
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500690136
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso
  • DATA DI COMPILAZIONE 2016
  • ISCRIZIONI lapide - SVLLE PIETRE DI QVESTA TORRE . TOLTE ALLA CHIVSA CADORINA ./ LA PARROCCHIA DI VENAS INCIDE I NOMI GLORIOSI DEI SVOI/ VENTISEI CADVTI PER LA PATRIA . DEGNI FIGLI DELL’ANTICA/ CENTVRIA . MENTRE LE CAMPANE DELLA VITTORIA ESALTANO/ LA GLORIA DI GESV’ CRISTO RE . E I FASTI D’ITALIA ./ E LA PACE ANNVNZIATA NELL’EVANGELO . CHE IL LEONE DI S. MARCO/ CVSTODISCE NI SECOLI -/ NELL’OTTAVO ANNVALE DELLA VITTORIA . ANNO FRANCESCANO MCMXXVI/ CAP.LE COLLE CELESTE FV GIACOMO/ SOLD. DA CORTE GIO:BATTA DI ANTONIO/ “ DE BERNARDO GIROLAMO DI GIO:BATTA/ CAP.LE DEL FAVERO CESARE FV PIETRO/ SOLD. GEI DOMENICO FV GIO:BATTA/ “ GEI IGNAZIO DI BORTOLO/ “GEI LVIGI FV BORTOLO/ “ GEI MARCO FV PIETRO/ S.MAGG. GIAVI GIVSEPPE FV ANTONIO/ SOLD. OLIVO GIVSEPPE DI GIVSEPPE/ “ OLIVO ARTVRO FV GIO:BATTA/ TEN. SORAVIA GIVSEPPE DI FEDERICO/ SERG. SORAVIA GIVSEPPE DI OSVALDO/ SOLD. SORAVIA PAOLO DI ANGELO/ “ SORAVIA MARCO DI COSTANTINO/ “ SORAVIA GIVSEPPE FV FORTVNATO/ CAP.LE TOSCANI GIVSEPPE DI FRANCESCO/ “ TOSCANI PAOLO FV ARSENIO/ “ TOSCANI ANTONIO FV GIO:BATTA/ SOLD. TOSCANI GIVSEPPE FV GIOVANNI/ “ TOSCANI ANTONIO FV GIOVANNI/ “ TOSCANI ENRICO FV ANGELO/ “ TOSCANI ALESSANDRO FV ANGELO/ “ TOSCANI MARCO DI AGOSTINO/ “ TOSCANI ANTONIO FV IGNAZIO/ “ ZANDANEL CARLO FV MARINO - capitale - a incisione -

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1926 - ca 1926

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'