Kusunoki Masashige col figlio e un attendente. Kusunoki Masashige

dipinto, post 1650 - ante 1699
Meirosai
sec. XVII

Dipinto su seta montato su un supporto di tessuto e decorato con altribroccati di seta pregiata tale da poter essere arrotolato per laconservazione. Terminali del jikugi (asta di avvolgimento) in avorio. Gliichimonji (settori di tessuto orizzontali posti sui lati superiore einferiore dello honshi), come i nastri fûtai che pendono dall'alto, sonodi squisito broccato in oro con motivi floreali scuri. I tessuti delchûberi che incornicia lo honshi sono scuri a motivo floreale inserito inuna struttura alveare. Il jôge è più chiaro a semplici linee grigieperpendicolari su fondo terra

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA seta/ pittura
  • MISURE Altezza: 33.9 cm
    Larghezza: 55.7 cm
  • ATTRIBUZIONI Meirosai
  • LOCALIZZAZIONE palazzo museo
  • INDIRIZZO Santa Croce 2076 - 30135 Venezia, Venezia (VE)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il Brinckmann pone l'opera nel suo inventario descrittivo del 1908 alnumero 348 dei kakemono giapponesi: "Kusunoki Masashige auf demFeldherrnstahl, hinter ihm sein Bauner, vor ihm rechts sein Sohn und dieSchriftrolle, links ein Begleiter. Bez. Meirôsai Fujiwara no Korehiro"(Kusunoki Masashige sulla sedia di condottiero. Dietro a lui il suogonfalone, davanti a destra suo figlio e il rotolo scritto, a sinistrauno del seguito. Firmato Meirôsai Fujiwara no Korehiro)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500570602
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Venezia e dei comuni della gronda lagunare
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza speciale per il Polo Museale Veneziano
  • DATA DI COMPILAZIONE 2008
  • ISCRIZIONI a destra in basso - Meirôsai Fujiwara no Korehiro hitsu - Meirôsai (autore dell'opera) - corsivo - a pennello - francese

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1650 - ante 1699

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'