lapide commemorativa ai caduti - ambito vicentino (sec. XX)

lapide commemorativa ai caduti, ca 1922 - 1922/11/04

Lapide marmorea, aniconica, di forma rettangolare con iscrizione incisa

  • OGGETTO lapide commemorativa ai caduti
  • MATERIA E TECNICA Marmo
  • MISURE Altezza: 270 cm
    Larghezza: 148 cm
  • AMBITO CULTURALE Ambito Vicentino
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Torre Bissara
  • INDIRIZZO Piazza dei Signori, Vicenza (VI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il 4 novembre 1922 in occasione del quarto anniversario della Vittoria a Vicenza fu organizzata una solenne commemorazione. Per la regia delle celebrazioni venne costituito un apposito comitato, presieduto dal Commissario Prefettizio e composto dalle rappresentanze dei Mutilati, Combattenti, Madri, Vedove ed Orfani di guerra, oltre che dal Partito Fascista. La cerimonia prevedeva il passaggio in corteo attraverso il centro cittadino fino al Piazzale di Monte Berico, dove era stato allestito un altare da campo per la celebrazione della messa; al ritorno in via Cavour avvenne l'inaugurazione di "una grande targa contenente la incisione del "Bollettino della Vittoria". (Cfr: "Il Gazzettino", 2 novembre 1922; "Il Gazzettino", 3 novembre 1922.)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500406402
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 2015
  • ISCRIZIONI al centro - COMANDO SVPREMO/ 4 NOVEMBRE 1918/ LA GVERRA CONTRO L’AVSTRIA-VNGHERIA, CHE, SOTTO/ L’ALTA GVIDA DI S. M. IL RE - DVCE SVPREMO - L’ESERCITO/ ITALIANO, INFERIORE PER NVMERO E PER MEZZI, INIZIO’/ IL 24 MAGGIO 1915 E CON FEDE INCROLLABILE E TENACE/ VALORE CONDVSSE, ININTERROTTA ED ASPRISSIMA PER 41/ MESI, E’ VINTA./ LA GIGANTESCA BATTAGLIA INGAGGIATA IL 24 DELLO/ SCORSO OTTOBRE ED ALLA QVALE PRENDEVANO PARTE/ 51 DIVISIONI ITALIANE, 3 BRITANNICHE, 2 FRANCESI,/ 1 CZECO-SLOVACCA ED 1 REGGIMENTO AMERICANO,/ CONTRO 73 DIVISIONI AVSTRO-VNGARICHE, E’ FINITA./ LA FVLMINEA ARDITISSIMA AVANZATA DEL 29° CORPO/ D’ARMATA SV TRENTO, SBARRANDO LE VIE DELLA/ RITIRATA ALLE ARMATE NEMICHE DEL TRENTINO,/ TRAVOLTE AD OCCIDENTE DALLE TRVPPE DELLA 7A/ ARMATA E AD ORIENTE DA QVELLE DELLA 1A, 6A E 4A,/ HA DETERMINATO IERI LO SFACELO TOTALE DEL/ FRONTE AVVERSARIO./ DAL BRENTA AL TORRE L’IRRESISTIBILE SLANCIO/ DELLA 12A, DELL’8A DELLA 10A ARMATA E DELLE/ DIVISIONI DI CAVALLERIA, RICACCIA SEMPRE PIV’/ INDIETRO IL NEMICO FVGGENTE./ NELLA PIANVRA S.A.R. IL DVCA D’AOSTA AVANZA/ RAPIDAMENTE ALLA TESTA DELLA SVA INVITTA 3A/ ARMATA, ANELANTE DI RITORNARE SVLLE POSIZIONI/ DA ESSA GIA’ GLORIOSAMENTE CONQVISATE, CHE/ MAI AVEVA PERDVTE./ L’ESERCITO AVSTRO-VNGARICO E’ ANNIENTATO: ESSO/ HA SVBITO PERDITE GRAVISSIME NELL’ACCANITA/ RESISTENZA DEI PRIMI GIORNI DI LOTTA E NEL/ L’INSEGVIMENTO; HA PERDVTO QVANTITA’ INGENTISSIME/ DI MATERIALE DI OGNI SORTA E PRESSOCHE’ PER INTERO/ I SVOI MAGAZZINI ED I DEPOSITI; HA LASCIATO FINORA/ NELLE NOSTRE MANI CIRCA 300000 PRIGIONIERI CON/ INTERI STATI MAGGIORI E NON MENO DI 5000 CANNONI./ I RESTI DI QVELLO CHE FV VNO DEI PIV’ POTENTI/ ESERCITI DEL MONDO, RISALGONO IN DISORDINE E/ SENZA SPERANZA LE VALLI, CHE AVEVANO DISCESE/ CON ORGOGLIOSA SICVREZZA./ DIAZ - capitale romana, numeri arabi - a incisione - italiano

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE