Sebastiamo del Piombo. Ritratto di Sebastiano del Piombo

stampa stampa di riproduzione, ca 1575 - ca 1625
Van Cornelis Dalen
1638/ 1664
Tiziano Vecellio
1488-1490/ 1576

Ritratti. Personaggio: Sebastiamo del Piombo. Abbigliamento

  • OGGETTO stampa stampa di riproduzione
  • MATERIA E TECNICA bulino
  • MISURE Altezza: 380 mm
    Larghezza: 283 mm
  • ATTRIBUZIONI Van Cornelis Dalen: incisore
    Jacopo Robusti Detto Tintoretto: inventore
    Tiziano Vecellio
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Faglia-Torri
  • INDIRIZZO Via Bernardino Varisco, 9, Chiari (BS)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Questa stampa è uno dei quattro ritratti incisi da Cornelis Van Dalen e considerati i suoi capolavori. Gli altri ritratti sono: Giovanni Boccaccio (cfr. I01745), Pietro Aretino (cfr. I01746); Giorgione (cfr. I02113). Hubert/ Rost, Gori Gandellini, Hollstein informano che questi quattro fogli erano stati usati nel "Caelaturae" di Reynst. Come testimonia Brunet J.-C. (1864, v. V parte II, col. 1090), si tratta di una raccolta nota come "Cabinet du Bourgmestre Reynst", consistente in 33 incisioni molto ben realizzate riproducenti dipinti in parte appartenenti alla collezione di Gerard Reynst. Non è stato reperito alcun esemplare di questa pubblicazione. Brunet J.-C. (1863, v. IV parte II, coll. 1261-1262) segnala anche l'opera "Signorum Veterum Icones", pubblicata ad Amsterdam da Nic. Visscher e comprendente 110 incisioni. Dichiara che tale opera può essere considerata il secondo volume del Cabinet di Reynst. Non avendo trovato alcun esemplare di tale libro, non è stato possibile verificare se contenesse anche la stampa qui catalogata. Al verso della stampa si trova la nota di possesso di Giuseppe Stork, nato a Seckingen sul Reno e fissatosi poi a Milano come negoziante. Ebbe una numerosa collezione di disegni e stampe che venne pignorata nel 1815 da una casa inglese e rivenduta come la proprietà di Carli e Krammer. I fogli furono successivamente acquistati da Giuseppe Vallardi e da Sam. Woodburn. La nota di possesso è accompagnata dal numero d'inventario. La stampa riproduce in controparte, ma con fedeltà, un dipinto attribuito a Tintoretto e Tiziano e conservato ad Hampton Court, presso le Collezioni reali. Stampa ritrovata l'8 gennaio 2001 nei cassetti segreti delle bacheche dei minerali di proprietà della Fondazione
  • TIPOLOGIA SCHEDA Stampe
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0300620645
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Bergamo e Brescia
  • ENTE SCHEDATORE Regione Lombardia
  • DATA DI COMPILAZIONE 2003
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI al verso, al centro - G. STORCK A MILANO 1799. / IN. N.° 10735 - corsivo - a matita -
  • STEMMI al verso, al centro - di collezione - Marchio - Stork Giuseppe (o Joseph) - 1 - G. Storck a Milano 1799./ In. N.° 10735

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Van Cornelis Dalen

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Jacopo Robusti Detto Tintoretto

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1575 - ca 1625

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'