quadratura architettonica

dipinto murale, 1761 - 1761

Quattro finestre, una porta- finestra, venti cornici, intradossi: sulla parete breve interna sono affrescate quattro finestre ed una porta- finestra: al primo piano, dalla finestra chiusa, di là dai vetri, è dipinto un gatto; l'altra finestra, aperta in parte, lascia scorgere una piccola caffettiera di rame; entrambe le finestre rivelano la sagoma di ambienti retrostanti. Al secondo piano drappeggi gialli decorano le altre due finestre; la porta- finestra è collocata al centro. Sulla parete breve interna la porta centrale, al primo piano, è decorata da una cornice, in marmo policromo verde in un coronamento a riccioli e volute, al centro una testa di putto regge una mensola su cui poggia un gruppo fiorito negli stessi toni dei marmi policromi. Le cornici che sottolineano tutte le altre aperture si risolvono in coronamenti più o meno accentuati

  • OGGETTO dipinto murale
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • ATTRIBUZIONI Giuseppe Detto Vignoli (attribuito): quadraturista
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Palazzo Malacrida
  • INDIRIZZO via Malacrida, Morbegno (SO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il gioco fantasioso messo in atto dal Coduri nel salone, rimbalza dalle due pareti lunghe, alle due pareti brevi, su cui apre quattro finte finestre, mima cornici di marmo, appende sgargianti tendaggi gialli "... che veri ti paiono..." (A. Malacrida, 1816- 20, p. 116). Alla luce che entra in quantità dalle sei aperture sulla parete estrena, risponde l'illusorio traforo sulla parete corrispondente, secondo un progetto di continua, briosa metamorfosi tra elementi reali - gli stucchi sotto i palchetti, la porta al centro della parete breve interna- ed invenzioni pittoriche - i ciuffi di stucco che animano qua e là le pareti, i gustosi motivi di genere quali il gatto e la caffettiera, posti al di là dei veri illusori. Dall'apoteosi della Verità, alla fertilità del quotidiano, una combinazione che bene si addice oltre che alle convinzioni illuministiche dei Malacrida, al loro essere schivo e contenuto, tipicamente valligiano."Conosceva bene la prospettiva, quindi son belle quelle che stanno nel mezzo dei lati maggiori" (A. Malacrida, 1816- 20, p. 116). Il tratto sicuro, nitido ed elastico sorregge l'aprirsi prospettico delle due pareti lunghe del salone ed induce Ascanio Malacrida alla lode. In effetti il Coduri assomma alla grazia decorativa degli elementi fioriti, della frutta colorata, dei riccioli e delle iperboli, il senso di una più corposa impostazione architettonica che sfonda illusionisticamente la parete per successivi piani prospettici. Una soluzione costruttiva che ha pochi altri echi nella decorazione del palazzo (vedi scheda 03/ 00214167) e dove, del resto, i due grandi portali con nicchia si offrono in tutta la loro precarietà di "architettura- gioco"
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0300214137A-18
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Monza Pavia Sondrio Varese
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Monza Pavia Sondrio Varese
  • DATA DI COMPILAZIONE 1984
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2010

FA PARTE DI - BENI COMPONENTI

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giuseppe Detto Vignoli (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1761 - 1761

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'