Motivi decorativi geometrici

mazza d'arme apa'apai, ca 1850 - ca 1940

Mazza apa’apai tongana in legno di cocco di forma svasata con manico sottile, testa trapezoidale appiattita e decorata con motivi decorativi geometrici incisi. La parte inferiore del manico presenta un pomolo tornito usato per appendere la mazza. Le apa’apai erano tra le armi più spesso usate in guerra presso le società tongane. Spesso al momento della produzione venivano lasciate spoglie per poi essere decorate man mano che i guerrieri che le possiedono ottenevano dei successi in battaglia: un’apa’apai interamente ornata di motivi e figure era simbolo di potere, influenza e grande abilità. La presente opera sembra non essere mai stata usata, è quindi plausibile che sia stata prodotta per la vendita già decorata con qualche motivo geometrico puramente ornamentale

  • OGGETTO mazza d'arme apa'apai
  • MATERIA E TECNICA legno/ incisione
  • AMBITO CULTURALE Ambito Tongano
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Castello Reale
  • INDIRIZZO Via Francesco Morosini, 3, Racconigi (CN)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Sin dall’inizio dell’era del colonialismo moderno, nel XVI secolo, viaggiatori ed esploratori dimostrarono interesse nel raccogliere e collezionare oggetti prodotti nei paesi che visitavano. Destinati inizialmente ad essere esposti nelle Wunderkammer, nelle quali personaggi facoltosi dell’alta società europea mettevano in mostra le “artificialia” prodotte da popoli lontani, divennero poi oggetto di studio da parte degli etnografi. Che fosse per studio o per diletto i collezionisti erano interessati ai cosiddetti “curiosa”, artefatti particolari il cui uso era ignoto agli europei e che venivano quindi percepiti come frutti di un ingegno esotico, ma anche agli oggetti di uso quotidiano, a quelli rituali e religiosi, e alle armi. Considerati testimonianze della vita di popolazioni “primitive” e di uno stadio dello sviluppo umano antecedente a quello moderno, tali artefatti erano preziose fonti di informazioni per gli studiosi e interessanti suppellettili esotiche per i ricchi collezionisti. Ben presto si sviluppò un florido mercato per tali oggetti, prodotti talvolta appositamente per essere venduti agli stranieri e in molti altri casi creati originariamente dalle popolazioni locali per il proprio consumo e poi acquistati dai visitatori di passaggio. Nati per l’uso quotidiano e divenuti articoli da collezione, i manufatti delle popolazioni lontane compirono un passaggio simbolico attraverso il quale guadagnarono lo status di oggetti pregiati, degni di essere donati a persone di spicco in occasioni importanti. Seppur in mancanza di documentazione puntuale, si può ipotizzare che l’artefatto in questione sia stato acquisito da uno dei membri della famiglia reale di Savoia durante uno dei tanti viaggi che compirono in Africa insieme ad altre armi locali, cosa che accadeva piuttosto frequentemente. Ancora oggi infatti non è raro trovare armi di diversa provenienza venduti nel medesimo nucleo dalle case d’asta o dai negozi di antiquariato. Le armi sono oggetti che circolano molto facilmente e che spesso attirano l’attenzione dei turisti e dei collezionisti in quanto oggetti esotici e inusuali. Ciò rende talvolta difficile rintracciarne la provenienza, che può capitare venga attribuita al luogo sbagliato. In questo caso è possibile che la mazza apa’apai sia giunta in Africa da Tonga attraverso una catena di scambi e che sia stata poi venduta come arma locale. L’oggetto in questione faceva parte di una panoplia, collocata lungo la parete di un corridoio del Castello, composta da 32 oggetti e smontata durante la schedatura (2018) per permettere una migliore conservazione delle opere. La realizzazione della panoplia è attestabile attorno al secondo quarto del secolo XX. Tale scelta espositiva si rifà alla retorica di Regime secondo la quale esporre oggetti "coloniali" o generalmente di civiltà extraeuropee, oltre a soddisfare un certo spirito di curiosità, era un modo per celebrare o esaltare l'arte e l'ingegno della cultura italiana, immensamente superiore, secondo la visione dell’epoca, rispetto a quella di altre popolazioni. L'opera appartiene a un corpus di oggetti extra-europei ricevuti in omaggio dai membri della famiglia reale di Savoia durante i loro viaggi, o offerti da delegazioni diplomatiche in visita in Italia. La consolidata tradizione di scambiarsi doni diplomatici tra monarchi, autorità religiose e capi di Stato è attestata sin dai tempi dell’antico Egitto e tutt’oggi risponde allo scopo di favorire, assicurare e mantenere buoni rapporti tra le parti. I doni, che assumono un valore, oltre che monetario, anche spiccatamente simbolico, sono spesso scelti in quanto rappresentanti l’essenza della Nazione o dell'istituzione che li offre. Si tratta infatti sovente di opere di artigianato, esempi di abilità manifatturiera, beni di lusso e artefatti di importanza storica realizzati con materiali locali. Attraverso l’esibizione di tali doni i dignitari promuovono la propria cultura e la propria patria ai livelli più alti delle pubbliche relazioni
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100405149
  • NUMERO D'INVENTARIO R 7033-1
  • DATA DI COMPILAZIONE 2018
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2022
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1850 - ca 1940

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'