scena di giudizio

rotella da pompa, ca 1570 - ca 1580

Rotella in ferro cesellato, inciso e ageminato, con la parte centrale convessa, una fascia quasi piana e un orlo a tondino liscio. La fascia presenta quattro formelle contenenti immagini allegoriche dei quattro elementi e gli spazi intermedi sono occupati da elementi decorativi. Il campo centrale risulta istoriato. All'interno, danneggiato, restano sei fori che portavano i rivetti dell'imbracciatura e una serie di rivetti d'ottone moderni che trattenevano lungo la circonferenza un bordo di pelle, di cui ora rimangono alcune parti

  • OGGETTO rotella da pompa
  • MATERIA E TECNICA ferro/ agemina
    ferro/ cesellatura
    ferro/ incisione
  • AMBITO CULTURALE Ambito Milanese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Armeria Reale
  • LOCALIZZAZIONE Armeria Reale
  • INDIRIZZO Piazza Castello, 191, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La rotella da pompa, ossia uno scudo da cerimonia, presenta sulla faccia esterna, nel campo centrale, una scena piuttosto difficile da interpretare: un re assiso in trono, con uno scettro nella destra, è affiancato da una sorta di sacerdote e attorniato da diversi guerrieri all'antica. Sui gradini del trono è assiso un putto con una lancia nella mano sinistra, un cane poco distante e un guerriero inginocchiato nell'atto di chiedere grazia.||La stretta fascia di contorno porta mazzi di frutti, trofei d'armi e un mascherone, interrotti da quattro formelle ovali, sopra e sotto contenenti figure allegoriche dei quattro elementi: in alto l'Aria che siede su una nuvola, attorniata da altre nuvole; a destra l'Acqua, assisa, con un'anfora sotto il braccio destro e un pesce nella sinistra; sotto la Terra, appoggiata a un cestino di frutta, attorniata da altri frutti; a sinistra il Fuoco, con fiamme nella destra e una salamandra nella sinistra.||La ricerca sulla provenienza dell'opera ha portato alla luce due dati differenti: nel 1840 Seyssel d'Aix la presenta come "offerta dal sig. cav. Braggione, luogotenente colonnello d'artiglieria in ritiro", mentre Angelucci nel catalogo del 1890 precisa che "[...] si ebbe dall'Arsenale di Genova". Si ritiene più verosimile l'affermazione di Seyssel d'Aix.||||Riferimenti bibliografici: V. Seyssel d'Aix, Descrizione della Reale Armeria di Torino, Torino 1840, p.168; A. Angelucci, Catalogo della Armeria Reale, illustrato con incisioni in legno, compilato dal maggiore Angelo Angelucci per carico del Ministero della Casa Reale, Torino 1890, p. 210; F. Mazzini (a cura di), L'Armeria Reale di Torino, Busto Arsizio 1982, scheda n. 99, p.349; F. Cervini, Le passeggiate del Re, in P. Venturoli (a cura di), La Galleria Beaumont. Percorso di visita, Torino 2005, pp.162-163
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100217055
  • NUMERO D'INVENTARIO F.007
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Armeria Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2011
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1570 - ca 1580

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE