soggetto assente

bandiera, 1814 - 1814
Giovanni Pellengo
attivo Torino 1814-1815

Drappo rosso, ornato in pieno dalla croce di Savoia bianca con i bracci scorciati che non raggiungono gli orli. Ai quattro angoli esterni sono poste cinque fiamme ondeggianti ciascuna di colore cremisi. Sovrapposti alle fiamme sono collocati: al 1° all'asta, entro uno scudetto, l'arme della città di Asti (di rosso alla croce d'argento); al 2° al battente, un'analogo scudetto con ricamato in maiuscoletto il nome del reggimento; al 3° all'asta e al 4° al battente una stella di colore cremisi con la seconda e quarta punta partita di cremisi e turchino. Fiamme, stelle sono orlati con ricamo color argento.||Il drappo è bordato da una fascia bianca, a sua volta orlata da entrambe le parti d'argento, ornata in pieno con un nastro azzurro ondeggiante alla sarda, appuntato ai quattro angoli verso l'esterno e al centro dei quattro lati verso l'interno. Nel lato all'asta è ancora cucita la vena.||Cravatta: di seta azzurra, tagliata a forma semi-trapezoidale, ripiegata sei volte a soffietto

  • OGGETTO bandiera
  • MATERIA E TECNICA seta/ pittura
    seta/ taffetas
    seta/ ricamo
    seta/ ricamo in seta
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Pellengo: tappezziere
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei Reali - Armeria Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO Piazzetta Reale 1, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE In occasione dell'attuale schedatura non è stato possibile staccare la bandiera. La bandiera di battaglione modello 1814 del reggimento di fanteria d'ordinanza provinciale di Nizza.fu confezionata dal tappezziere Giovanni Pellengo e consegnata al reparto nell'inverno 1814-1815. Sciolto il reggimento, la bandiera fu depositata nel 1816 nel Regio Magazzino delle Merci, dal quale successivamente fu inviata al Corpo di Veterani ed Invalidi di Asti dove, assieme ad altre, fu esposta per decenni nella Cappella di San Carlo. Nel 1872 il Corpo la depositò in Armeria Reale. Restauri: Nicola 1976. Bibliografia: A. Angelucci, Catalogo della Armeria Reale illustrato con incisioni compilato dal maggiore Angelo Angelucci per carica del Ministero della Casa Reale, Torino 1890, p. 504; Gerbaix de Sonnaz Carlo Alberto, Bandiere, stendardi e vessilli di Casa Savoia dai Conti di Moriana ai Re d'Italia (1200 - 1861). Tipografia degli Artigianelli, Torino 1911; Ricchiardi Enrico, Bandiere e stendardi dell'Esercito Sardo (1806 - 1866). In prep. In collaborazione con la Regione Piemonte.Centro Studi Piemontesi, Torino||Riferimenti Archivio Storico dell'Armeria Reale: Corrispondenza, fascicolo 360
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100216763
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Armeria Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2010

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Pellengo

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1814 - 1814

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'