soggetto assente

bandiera, 1815 - 1815
Giovanni Pellengo
attivo Torino 1814-1815
Cinzano
attivo Torino 1815

Drappo con due punte al flottante, fondo scarlatto, ornato in pieno dalla croce bianca di Savoia scorciata, cioè che non raggiungeva i bordi del campo. Al primo quarto all'asta era posto uno scudo barocco inclinato di 45° portante l'arme del Regno di Sardegna All'angolo in alto a destra (2° al battente) è posto uno scudetto che reca il nome del reggimento. Agli angoli del drappo sono poste quattro (al 1°), tre (al 2° e 3°) o cinque (4°) fiamme ondeggianti già turchine. Sovrapposti alle fiamme ondeggianti sono poste delle stelle già scarlatte con tre (3°) o quattro (4°) punte.Tutto il drappo è contornato da un bordo bianco ornato in pieno dal nastro azzurro ondeggiante alla sarda, appuntato verso l'esterno a ciascuno dei quattro angoli e verso l'interno nell'angolo intermedio tra le due punte del frappo. Le cuciture sono rafforzate con ricami in oro filato. Il decoro è creato con la tecnica del ricamo ad applicazione con taffetas, mentre alcuni dettagli degli stemmi sono eseguiti con ricami in seta policroma . Drappo a doppio dritto. Al lato verticale è cucita la vena di taffetas azzurro che serviva ad inserire il drappo sull'asta. Cravatta azzurra, tagliata rettangolare, ripiegata a soffietto cinque volte, rifinita sui lati più corti con una frangia in oro filato

  • OGGETTO bandiera
  • MATERIA E TECNICA seta/ taffetas
    seta/ ricamo
    seta/ ricamo in rilievo con imbottitura
    seta/ ricamo in oro
    seta/ ricamo in seta
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Pellengo: tappezziere
    Cinzano: ricamatore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei Reali - Armeria Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO p.zza Castello, 191, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Così doveva apparire la Cornetta reale del reggimento Dragoni di S.M. (o " del Re"): Drappo con due punte al flottante, con larghezza massima (in corrispondenza di ciascuna delle due punte), larghezza minima (in corrispondenza dell'incavo tra le due punte) 52 cm, altezza 60 cm (misure tratte dal contratto), il cui colore di fondo era scarlatto. Era ornato in pieno dalla croce bianca di Savoia scorciata, cioè che non raggiungeva i bordi del campo. Al primo quarto all'asta era posto uno scudo barocco inclinato di 45° portante l'arme del Regno di Sardegna del modello adottato nel 1815, successivamente all'acquisizione dell'antico Ducato di Genova. All'angolo in alto a destra (2° al battente) era posto uno scudetto barocco che recava ricamato il nome del reggimento :"DRAGONI DI S.M.". Agli angoli del drappo sono poste quattro (al 1°), tre (al 2° e 3°) o cinque (4°) fiamme ondeggianti turchine bordate di ricamo argento. Sovrapposti alle fiamme ondeggianti sono poste delle stelle scarlatte bordate di ricamo argento con tre (3°) o quattro (4°) punte. Tutto il drappo è contornato da un bordo bianco ornato in pieno dal nastro azzurro ondeggiante alla sarda, appuntato verso l'esterno a ciascuno dei quattro angoli e verso l'interno nell'angolo intermedio tra le due punte del frappo. Il bordo bianco è a sua volta orlato di ricamo probabilmente dorato. La cornetta fu confezionata a Torino dal tappezziere Giovanni Pellengo e, probabilmente, ricamata dal ricamatore Cinzano nella primavera del 1815. Allo scioglimento del reggimento (1821) Carlo Felice decise di lasciare all'ultimo colonnello del reparto, il conte Magno Cavalli, le tre cornette (tra le quali quella reale). Queste poi, per espresso desiderio di Carlo Alberto (1847) furono infine depositate in Armeria nel 1850, donata dal conte Magno Cavalli, figlio dell'ultimo comandante del reggimento, per intercessione del Ministro di Guerra e Marina Alfonso La Marmora e il consenso di Vittorio Emanuele II.||Bibliografia: A. Angelucci, Catalogo della Armeria Reale illustrato con incisioni compilato dal maggiore Angelo Angelucci per carica del Ministero della Casa Reale, Torino 1890, p. 504; C. A. Gerbaix de Sonnaz, Bandiere, stendardi e vessilli di Casa Savoia dai Conti di Moriana ai Re d'Italia (1200 - 1861). Tipografia degli Artigianelli, Torino 1911. Riferimenti Archivio Storico dell'Armeria Reale: Corrispondenza, Fascicolo 391
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100215932
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Armeria Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2010
  • ISCRIZIONI sul drappo, in basso - DRAGONI DI S.M - lettere capitali - a ricamo -
  • STEMMI sul drappo - familiare - Stemma - Savoia - 2 - stemma inquartato: nel primo di Sardegna; nel secondo partito: nel primo di Lussemburgo, nel secondo di Gerusalemme; nel terzo di Ginevra; nel quarto di Piemonte

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Pellengo

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Cinzano

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1815 - 1815

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'