porta - ad un battente, serie - ambito piemontese (seconda metà sec. XVIII)

porta ad un battente, 1750 - 1799

Serie di quattro porte a due battenti decorati da quattro riquadri rettangolari con ornato a rombo e sei riquadri quadrati con ornato ottagonale con profili dorati e fondo grigio

  • OGGETTO porta ad un battente
  • MATERIA E TECNICA legno/ intaglio/ pittura/ doratura
  • AMBITO CULTURALE Ambito Piemontese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Villa della Regina
  • INDIRIZZO Strada Comunale Santa Margherita, 79, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Nella parete sud della stanza 27, a destra, si trova una porta finta a due battenti con cinque riquadri decorati ad ottagoni e rombi dipinti in grigio con profili dorati, indicata nell'inventario corrente con il numero 27.13. A sinistra, nella stessa parete, è incernierata una porta analoga a due battenti (27.12 A - 27.12 B); altre due porte identiche si aprono sulla parete nord (27.18, 27.19 A - 27.19 B). L'unica descrizione di queste porte è registrata nei "Testimoniali di Stato della Vigna della Regina ed annesso Palazzo Chiablese" (ASTO, Corte, Istituti Assistenza e Beneficenza - cat. 11, m. 653) compilati nel 1864, dai quali risulta inoltre che l'apertura verso la camera 28 era "munita di doppia porta in quattro parti a panelli e dipinto ad arabeschi contornati da membrature dorate su fondo bigio". Questa porta del tipo a soffietto è l'unica citata nell'"Inventario di tutti li mobili, oggetti di addobbamento ed altri diversi di Regia Spettanza esistenti nel Palazzo della Vigna Reale detta della Regina e nelli fabbricati dipendenti, posti sotto la custodia del Concierge sig. Felice Boozoky" (ASTO, Corte, Archivi Privati, Castelli Berroni - m. 19) nel 1845 dove però risulta collocata verso il vano scala: "Una Porta in quattro parti in legno colorito bigio con piccoli cornici dorate munite di tre anelli di metallo, serratura a chiave e crocco, posta all'uscita verso la scaletta". Attualmente questa porta non è più in loco. Nel 1942 Eugenio Olivero ricorda ancora che "le quattro porte e le due porte vetrate sono decorate nello stesso sobrio modo di quelle della camera precedente L [30]" (E. Olivero, La Villa della Regina in Torino, Torino 1942, p. 27). Le porte sono realizzate in legno di pioppo; in alcuni casi la ferramenta sembra sostituita come nel caso delle serrature e delle mostrine delle porte 27.19 A - 27.19 B e 27.18. A quest'ultima porta sono stati sostituiti in epoca recente anche due cardini sul lato sinistro (in basso e al centro) mentre gli altri sono originali. La porta che si apre verso la stanza 28 (parete nord: 27.19 A-27.19 B) è stata fotografata da Vincenzo Piccione ancora in situ nel 1995 (SBAS TO 142309).I risultati delle analisi compiute dal dott. Stefano Volpin su alcuni campioni prelevati da porte, sovrapporte e cornici con intagli dorati e policromi, hanno evidenziato la presenza di uno spesso strato preparatorio composto almeno da quattro stesure sovrapposte di gesso e colla animale sul quale si stende un uniforme strato pittorico grigio azzurro composto da una matrice chiara di biacca data a tempera (una tempera grassa), entro la quale sono disperse piccolissime particelle blu, cioè un pigmento composto da un colorante organico assorbito su calcite, una sorta di "lacca azzurra" come quella individuata nel corso delle precedenti analisi condotte sulle boiseries della Villa.Nelle parti dorate lo strato preparatorio, composto sempre da gesso e colla animale, è ricoperto da un sottile strato di colore rosso-arancione formato da una miscela di terre argillose ricche di ossidi di ferro e leganti organici proteici. Si tratta quindi di uno strato di bolo rosso che sottende la foglia d'oro stesa con la tradizionale tecnica a guazzo su bolo. La lamina metallica è composta da oro puro e appare particolarmente assotigliata e disomogenea. Su questa è stata infine stesa una sottile pellicola di colore bianco composta da biacca in un legante organico di natura oleo-proteica
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100206452
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2003
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1750 - 1799

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE