organo

1829 - 1829

L'organo è stato smontato negli anni '60. Prospetto in unica campata, a cuspide centrale con ali laterali ascendenti, formato da 21 canne in stagno,labbro superiore a mitria con puntino soprastante, appartenente al Principale 8'; canna maggiore Do2; andamento bocche rettilineo; profilo planimetrico rettilineo. Alla base del prospetto erano i Tromboncini, dispersi nel XX secolo. Consolle a finestra. Trasmissione meccanica sospesa. Una tastiera originale, di 50 tasti, con prima ottava corta, estensione Do1-Fa5, diatonici ricoperti in bosso, cromatici in pero tinto di nero, con copertura superiore a 5 filetti longitudinali: ebano, osso, ebano, osso, ebano. Il frontale della tastiera è decorato con 3 rosette applicate in bronzo dorato(solo due conservate), la maggiore al centro. Pedaliera originale, a leggio, senza basseria propria (ad eccezione del Tamburo), di 17+1 pedali, costantemente unita alla tastiera, estensione Do1-Sol#2, reali 12 note, 18° pedale Tamburo. Cromatici non ricoperti; i pedali diatonici presentano tracce di una verniciatura recenziore bianca, i cromatici nera.

  • FONTE DEI DATI Regione Veneto
  • OGGETTO organo
  • MATERIA E TECNICA ferro
    carta
    pelle
    lega piombo-stagno
    legno/ legno dipinto
  • ATTRIBUZIONI Antonio Callido: esecutore
  • LOCALIZZAZIONE Chiesa di Sant'Ippolito, martire
  • TIPOLOGIA SCHEDA Strumenti musicali-Organo
  • CONDIZIONE GIURIDICA Pertinenza edificio ecclesiastico
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA S76
  • ENTE SCHEDATORE Regione Veneto
  • DATA DI COMPILAZIONE 2002

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Antonio Callido

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1829 - 1829