Ravenna - San Vitale - Zona absidale e matronei

negativo, ca 1869 - ante 1877
Luigi Ricci
1823-1896
  • OGGETTO negativo
  • SOGGETTO Architettura religiosa - Chiese - Interni
    Decorazioni pittoriche - Affreschi
    Elementi architettonici - Archi - Loggiati - Colonne
    Arte bizantina - Mosaici
    Emilia-Romagna - Ravenna - Complesso di San Vitale
  • MATERIA E TECNICA VETRO
    collodio
  • MISURE Misura del bene culturale 0800649196: 240x203 mm
  • CLASSIFICAZIONE DOCUMENTAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO
  • ATTRIBUZIONI Luigi Ricci: fotografo principale
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini
  • LOCALIZZAZIONE Basilica ed ex Monastero benedettino di San Vitale
  • INDIRIZZO Via S. Vitale, 17, Ravenna (RA)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Luigi Ricci (1823-1896) opera nella seconda metà dell’ottocento, in un contesto storico molto ricco di stimoli, quando in epoca post unitaria comincia a farsi strada l’idea di censimento del patrimonio artistico e della sua tutela. I monumenti ravennati vengono sottoposti a primi interventi manutentivi diretti dal Genio Civile affiancato dall’Accademia di Belle Arti come organo di controllo. Il complesso di San Vitale con la sua ricca articolazione, era stato fortemente modificato dagli edifici addossati al suo perimetro esterno: numerose cappelle si erano innestate sulla struttura a pianta centrale impedendo la visibilità della costruzione originaria mentre l’interno aveva risentito di un arricchimento barocco, nelle pitture così come negli arredi. Luigi Ricci inserisce San Vitale già nel suo primo catalogo a stampa (1869) che conteneva solo 256 fotografie con cinque soggetti proposti tra i “monumenti antichi” di Ravenna: lo descrive in 44 riprese di cui alcuni esterni e interni e molti dettagli dei mosaici, capitelli, trafori e rilievi. La lastra in esame è identificata col numero 5, tra le “Tavole del Tempio di San Vitale”, già a partire dal primo catalogo e descritta come come “Altro interno ove si vede l’antico ingresso”. Nel fondo Ricci è presente un’altra lastra con lo stesso numero identificativo (si veda scheda NCTN 00649096): Ricci fotografa due volte lo stesso soggetto realizzando due negativi con leggere differenze di ripresa. La duplicazione del numero è una pratica abbastanza usuale per il fotografo, soprattutto in relazione a interventi strutturali o restauri che vengono documentati mantenendo il numero di riferimento della lastra antecedente ai lavori. In questo caso le due immagini sembrano contemporanee ma la scarsa qualità di questa ripresa probabilmente porta Ricci alla replica, per una messa a fuoco più puntuale della decorazione pittorica e per l’eliminazione del disturbo causato dalla luce proveniente dalle aperture. Anche il tentativo di mascherare parzialmente l’effetto luminoso con la carta non sortisce un buon effetto (si confronti con positivo tratto da questo negativo conservato presso la Biblioteca Classense di Ravenna in cui è visibile un ritocco correttivo manuale ad inchiostro). L’immagine documenta l’aula centrale della chiesa, inglobando parzialmente l’area del presbiterio con l’altare maggiore. Sono ancora perfettamente visibili tutti gli elementi che saranno eliminati o modificati durante il restauro condotto da Corrado Ricci dopo il suo insediamento a Ravenna come direttore della Regia Soprintendenza per i Monumenti (1897-1898). Nell’abside si scorge il rivestimento di lastre in marmo di Carrara prima dell’intervento di venatura voluto dall’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti, il vecchio altare barocco del Toschini che sarà sostituito da quello ricomposto con mensa di alabastro, proveniente dal Mausoleo di Galla Placidia, così come le cancellate poste a tamponatura delle trifore al piano terreno e quella a chiusura dell’area del presbiterio. La veduta è completata dalla ricca decorazione pittorica barocca di Serafino Barozzi che fu causa di lungo dibattito e polemica tra fautori dell’eliminazione o del suo mantenimento. Corrado Ricci si concentra sul ricco apparato decorativo che occupa la cupola e le esedre dell’aula centrale, con un atteggiamento più problematico che decisionista. Interpella i maggiori studiosi per decidere di queste “disinvolte, ma gravi e violente, incomposte pitture”, che vanno senz’altro a snaturare l’aspetto dell’edificio e dei suoi preziosi mosaici. L’approccio di Ricci è quello della semplificazione, che descrive dettagliatamente nei suoi contributi, al fine di ridare alla chiesa “il primitivo aspetto”: l’inclinazione è senz’altro volta a eliminare i dipinti anche se, dopo lunga e condivisa riflessione, opterà per il loro mantenimento. Il riferimento cronologico della lastra va dall’inizio dell’attività di Luigi Ricci (la troviamo già nel primo catalogo del 1869) e il 1877, quando realizzerà altre riprese dello stesso soggetto in formato extraplacca, ovvero 30x40, che sembrano contestuali alle immagini di formato minore. Si confronti con positivo conservato presso l’Archivio Fotografico della Soprintendenza di Ravenna (lastra n. 492 presente nel catalogo 1914) in cui la stessa ripresa mostra molte delle modifiche attuate da Corrado Ricci, ad eccezione del pavimento che risulta ancora interamente rialzato rispetto al livello originale che sarà ripristinato interamente solo nel 1932. La lastra appartiene al fondo convenzionalmente denominato “Fondo Santa Teresa” poiché proveniente dall’omonimo Ospizio ravennate. Costituito da una parte di negativi su lastra di vetro provenienti dallo studio fotografico di Luigi Ricci, è stato acquisito nel 1979 dall’allora Soprintendente Gino Pavan su indicazione del cardinale Ersilio Tonini
  • TIPOLOGIA SCHEDA Fotografia
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800649196
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini
  • DATA DI COMPILAZIONE 2017
  • ISCRIZIONI supporto primario: lato emulsione: su etichetta: in basso a sinistra - 5 - numeri arabi -

BENI CORRELATI

LOCALIZZATO IN

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Luigi Ricci

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1869 - ante 1877

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'