organo da muro

Castelnuovo Calcea, 1899 - 1899

La cassa in cui sono riconoscibili ordini classici con stemmi-cetre e trombe dorate in rilievo sul timpano

  • OGGETTO organo da muro
  • MATERIA E TECNICA legno/ intaglio/ doratura
  • MISURE Profondità: 180 cm
    Altezza: 700 cm
    Larghezza: 480 cm
  • SOGGETTO stemmi, trombe e cetre dorate in rilievo
  • CLASSIFICAZIONE da muro
  • LOCALIZZAZIONE Chiesa Parrocchiale di S. Stefano
  • INDIRIZZO Castelnuovo Calcea (AT)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Si tratta di un tipico strumento "Gandini" con caratteristiche simili ad altri costruttori in zona astigiana: Baldichieri, Asti (Oblati S. Giuseppe), Nozza Monferrato ecc. Organi realizzati con le finalità delle indicazioni della riforma del 1895: doppia tastiera, pedaliera di 27 note reali, registri di timbro dolce, ripieno inserito in un solo comando, consolle esterna alla cassa, in questo caso addossata al centro, comandi dei registri: i classici pomelli alla C.Franck ispirati all'organaria francese di Monsieur Cavaillé-Coll. All'epoca della sua costruzione, questo strumento fu pienamente riuscito sia dal lato fonico che dal lato meccanico; ne fanno fede le espressioni contenute nella relazione di collaudo (gentilmente fornita dall'attuale Parroco Don Michele Alessio): "...un ripieno robusto senza frastuono, argentino non stridente, sostenuto da eccellenti contrabbassi che percorrono i 27 pedali reali di cui è composta la moderna pedaliera....I registri d'orchestra contenuti nella cassa armonica, dei quali con il pedale d'espressione si ottengono effetti mirabili per dolcezza e soavità....".Il Gandini era certamente organaro competente, onesto e avveduto, ed ancor oggi possiamo sottolineare e confermare le note di allora.In più, da notizie d'archivio fornite dal Parroco, veniamo a conoscenza organaria in Piemonte: dal volume "Convocati della Comunità 1769-1775" al 31/12/1774 si legge: "D. Carlo Antonio Lenti Prevosto ha fatto fare del suo proprio e donato alla Chiesa Parrocchiale l'organo, fin dalla primavera scorsa. La Comunità crede sia suo dovere farlo suonare almeno nelle feste più importanti. C'è il Signor Giuseppe Savina di Astiche è disposto a suonarlo, anche perché E' OPERA DA LUI FATTA. Concordano con lui lo stipendio di L.60 di Piemonte da dividere sui focolari."L'ipotesi dell'attuale parroco è che tale organo sia quello consegnato all'organaro quando è stato installato quello attuale.Nel contratto infatti si legge: "Da parte loro i sottoscritti membri del comitato si obbligano, dietro il consenso espresso del molto reverendo Sig. Prevosto Antonio Vespa, che lo mette a loro disposizione, di cedere l'organo vecchio esistente nella stessa chiesa al predetto Sig. Gandini ed inoltre di pagargli la somma di L.5000 ripartite...ecc ecc."La notizia della presenza dell'organaro Savina è di estrema importanza anche per l'ulteriore conferma della figura del'organaro-organista ancor valida a secolo XVIII inoltrato
  • TIPOLOGIA SCHEDA Strumenti musicali-Organo
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100054277
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 1991

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1899 - 1899

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'