motrice a vapore

ca. 1840 - ca. 1860
Thomas Horn
/ 1899 ca.

Questa macchina a vapore di Horn è costituita da una parte termica, organi di trasmissione e un grande volano. La parte termica è composta da una caldaia (attualmente non presente), due cilindri, uno di dimensioni inferiori (ad alta pressione), l'altro di dimensioni superiori (a bassa pressione) e da un condensatore separato (attualmente non presente). Caldaia e condensatore si trovavano sotto il resto della macchina. Due colonnine (tubi) collegano la caldaia con il cilindro ad alta pressione e il cilindro a bassa pressione con il condensatore. Sono inoltre presenti un cilindro con pompa per il vuoto, due aste verticali per l'azionamento delle pompe di circolazione dell'acqua ed un piccolo volano per il comando manuale dell'apertura e della chiusura. L'immissione del vapore, regolata da cassetti di distribuzione, è controllata da un regolatore centrifugo collegato tramite una cinghia ad un albero motore. Le aste degli stantuffi sono collegate, tramite un parallelogramma, ad un grande bilancere, sorretto da una colonna dorica. Un sistema biella-manovella trasmette il moto all'albero motore sul quale è montato un grande volano che ne regolarizza il moto.

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca. 1840 - ca. 1860

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'