Tacco a spillo

scarpa, post 1953 - ante 1953

Esile tacco a spillo con la metà superiore in legno e la base d'appoggio in alluminio, molto più resistente dei tradizionali tutti in legno, lto 10 cm., con un sopratacco da 8 millimetri di diametro.

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO scarpa
  • MATERIA E TECNICA legno
    alluminio
  • AMBITO CULTURALE Bottega Vigevanese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo della Calzatura
  • LOCALIZZAZIONE Duomo di Vigevano
  • INDIRIZZO Piazza Ducale, Vigevano (PV)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il tacco a spillo è certamente un fiore all'occhiello dell'intero museo. L'attenzione dedicata a questa specifica tipologia di calzatura ha sì una motivazione estetica, ma anche, anzitutto, una ragione storica, dal momento che è a Vigevano, nei primi anni Cinquanta, che nasce il tacco a spillo. Quando, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, Christian Dior inventa il "new look", cioè abiti molto femminili e sofisticati, che necessitavano di calzature adeguate, provviste cioè di un alto tacco, esile e slanciato, che tuttavia, essendo realizzato in legno, a causa dell'esiguo diametro, si spezzava facilmente. La soluzione arriva proprio da Vigevano: nel gennaio 1953, alla XVI edizione della Mostra Mercato Internazionale delle Calzature di Vigevano, i calzaturifici della città ducale presentano in anteprima mondiale un modello altamente innovativo di tacco, poggiante cioè su base d'appoggio rinforzata in alluminio. La scarpa proposta in fiera è dotata di un tacco con la metà superiore in legno e la base d'appoggio in alluminio, molto resistente, alto tra gli 80 ed i 100 millimetri, con un sopratacco da 8 millimetri di diametro. Le principali ditte cittadine, come L'Invitta di Re Marcello, Caimar-Cesare Martinoli, Erco-Gino Aldrovandi, Brunis Barbavara, Waltea, Panvi con la collaborazione del modellista bolognese Luciano Volta e dei Tacchifici di Molinella (Bologna) ed Elite (Legnano) danno vita ad una produzione di alta qualità che ottiene un immediato successo di mercato e di pubblico. Da quel prototipo, esposto in Museo, la storia delle ditte di Vigevano e del tacco a spillo non si è più interrotta, portando la produzione vigevanese a collaborare con i più prestigiosi marchi del mondo. Tra le numerose varietà di scarpe con tacco a spillo esposte, degne di nota sono le décolletée con tacco a spillo in raso verde con borchiette e strass di un produttore italiano sconosciuto, datate 1956, appartenute a Marilyn Monroe. L'attrice, icona di stile, ha reso famosa questa tipologia di calzatura, prediligendo il modello décolleté tacco 11 nei colori beige e il nero.
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Provincia di Pavia
  • LICENZA CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1953 - ante 1953

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'