Okame

dipinto, ca. 1800 - ca. 1899

Il dipinto, realizzato a inchiostro e colori su carta, nel formato del rotolo verticale da appendere (kakemono), raffigura una moltitudine di figure femminili, ognuna sosia delle altre, indaffarate in vari atteggiamenti. In particolare, in alto è rappresentata la danza di uno dei personaggi, intorno al quale altri personaggi-sosia suonano vari strumenti (tamburi di vario genere, shamisen e koto) oppure osservano la performance; nella metà inferiore della composizione, si sono formati vari gruppetti, sempre dello stesso personaggio femminile, rappresentati mentre mangiano, bevono sake, giocano a carte, gestiscono il fuoco , si truccano oppure fanno il bagno in una tinozza. Ha tradizionale cornice in seta con bacchette in legno.

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA carta/ pittura
    legno
    seta
  • AMBITO CULTURALE Ambito Giapponese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Polo Arte Moderna e Contemporanea. Collezione Carlo Giussani
  • LOCALIZZAZIONE MUDEC - Museo delle Culture
  • INDIRIZZO Via Tortona 56, Milano (MI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il protagonista, più volte rappresentato è Okame. Già menzionata nel Kojiki, testo classico compilato nel 712 d.C., con il nome di Amenouzume, Okame divenne una divinità molto popolare nel periodo Edo, considerata protettrice dell'abbondanza, della fertilità e della gioia: come in questo dipinto, era solitamente raffigurata come una donna paffuta con una grande testa, occhi socchiusi, piccola bocca, sopracciglia rasate e ridipinte più in alto. In molte immagini si mette in evidenza il suo carattere lascivo, incline alla sessualità.
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 301978095
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Mudec - Museo delle Culture
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca. 1800 - ca. 1899

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE