CELLA - SPAZIO MISTICO. INTERNO DI AMBIENTE

rilievo/ cella, post 1974 - ante 1978
Costantino Ruggeri
1925/ 2007

Cella, spazio mistico in cartone aperto lungo i due lati brevi, chiuso anteriormente da un frammento di vetro antico soffiato. La cella è tinta all'esterno in bianco e all'interno in rosa cupo. Al centro un groviglio di fili che si fissano sul soffitto, a destra. La cella è conservata all'interno di una teca in plexiglass.

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO rilievo/ cella
  • MATERIA E TECNICA cartone
    gesso
    plexiglass
    tempera
    vetro
    filo
    colla
  • AMBITO CULTURALE Ambito Lombardo
  • ATTRIBUZIONI Costantino Ruggeri
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Collezione Fondazione Frate Sole
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo del Broletto
  • INDIRIZZO Piazza della Vittoria 14-15, Pavia (PV)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Per Padre Costantino le Celle, al di là di ogni intendimento estetico, ci portano "alla riscoperta di uno spazio mistico più che sacro; non organico, bensì immagine, luce e poesia; provocante ed eccitante bellezza alla liberazione dalle cose morte, per destarci nel nitore della bellezza, nel bianco luminoso e ardente". Le Celle colpiscono per l'elementarità di immagine, di tecniche, di materiali. Sono piccole e semplici costruzioni, sculture tridimensionali, realizzate con materiali di recupero, cartoni, vetri, fili, legni, ferri, colori. Per la realizzarione delle Celle Padre Costantino usava solitamente una tempera da muro chiamata "Ducotone", filo di refe, una colla trasparente specifica per vetro detta "Peligom" della ditta Pelikan; alcune celle sono custodite, per scelta dell'artista, all'interno di teche in sicoglass.
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 301975531
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Provincia di Pavia
  • LICENZA CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Costantino Ruggeri

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1974 - ante 1978

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE