Scena raffigurante la sala nella reggia di Serpedonte. Interno

disegno, ca. 1799 - ca. 1799

veduta

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO disegno
  • MATERIA E TECNICA carta bianca/ inchiostro bruno/ acquerellatura colorata
  • ATTRIBUZIONI Vigna Gaetano (1750 Ca. / 1819 Ca.)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Poldi Pezzoli. Collezione di disegni di Riccardo Lampugnani
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Poldi Pezzoli
  • INDIRIZZO Via Alessandro Manzoni 12-14, Milano (MI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il disegno si riferisce all'opera "Argea" (atto I, sc. 2) programmata per il 1799 al Teatro Regio di Torino, nominato quell'anno "Teatro Nazionale". E' stato presentato alla mostra torinese del 1980 come caso significativo del periodo di dominazione francese, durante il quale alcune opere teatrali programmate per quella stagione vennero riproposte con alcune modifiche per renderle più adatte alle esigenze del nuovo regime repubblicano (cfr. Viale Ferrero 1980, p. 812-3 e p. 1495; la Viale Ferrero lo segnala in "La scenografia dalle origini al 1936", in "Storia del Teatro Regio di Torino", 1980, p. 317-9, come Raccolta Lampugnani; nella cartellina che contiene il disegno vi è un appunto di Lampugnani che indica una segnalazione del 1979 della Viale stessa, compare inoltre la scheda del prestito alla mostra torinese, dalla quale risulta restituito il 9/10/1980). La figura di Gaetano Vigna risulta poco nota. Incerta la data di nascita, come pure quella di morte. Dichiarato "avanti negli anni" nel 1819 (M. Paroletti, "Turin e ses curiosités", 1819, p. 414) potrebbe essere nato attorno al 1745-50 ca. Egli è attivo con il fratello Giacinto come decoratore di ambienti. C. Rovere, nella "Descrizione del Reale Palazzo di Torino" (Torino, 1858, p. 70) cita un Vigna tra i decoratori di Palazzo Reale a Torino nel tardo '700. Gli è riferita la decorazione di volte e pareti della chiesa di S. Michele a Centallo nel 1808. Entrambi i fratelli risultano scenografi del Teatro Regio di Torino per la stagione 1798/99, programmata dalla Società dei Cavalieri in epoca di ancien régime e svoltasi nel 1799 durante il periodo repubblicano. Le sue opere denotano una certa adesione al gusto classicista, che si rivela nella compostezza e regolarità delle sue composizioni, che viene definto dalla Viale Ferrero "galliaresco e tradizionale" (Viale Ferrero, Cultura figurativa ...1980, p. 813). La studiosa segnala inoltre che "La Sala per Argea fu eseguita, o rimaneggiata, dopo l'occupazione francese perchè in un fregio compaiono fasci, bipenni, e altri emblemi rivoluzionari".
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 301938642
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Museo Poldi Pezzoli
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Vigna Gaetano (1750 Ca. / 1819 Ca.)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca. 1799 - ca. 1799

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'