Pastori con mucca e pecore all'abbeverata

dipinto, ca. 1748 - ca. 1748

In un verde e rigoglioso paesaggio, in basso al centro, si vede una pastrella in compagnia di due pastori e di un gruppo di animali; in profondità a sinistra si vede un'altra pastorella al pascolo e si intravedono alcune costruzioni.

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA OLIO SU TELA
  • ATTRIBUZIONI Francesco Zuccarelli
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi. Raccolte d'arte della Fondazione Biblioteca Morcelli Pinacoteca Repossi
  • LOCALIZZAZIONE Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi
  • INDIRIZZO Via Bernardino Varisco, 9, Chiari (BS)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Riconoscibile (Maggi, 2003-2004, p. 102) con uno dei due "Paesaggi con pastorizie con cornice dorata" indicati nella Distinta delle opere lasciate da Pietro Bartolomeo Repossi senza alcuna attribuzione, questo dipinto, insieme al suo pendant (inv. n. D00029) è stato assegnato a Francesco Zuccarelli. Da questa attribuzione, condivisa dalla critica durante tutto il corso del Novecento, ha recentemente dissentito Terraroli (1991, p. 38) che ha preferito assegnarlo al pennello di Giuseppe Zais. Ora, al contrario, si preferisce tornare all'attribuzione allo Zuccarelli per evidenti motivi stilistici - facendo comunque presente che, in molti casi, la pittura dello Zais è facilmente confondibile con quella dello Zuccarelli, tanto che il bellunese divenne fatto oggetto, alla morte dello Zuccarelli, di commissioni da parte degli stessi che avevano preferito l'artista di Pitigliano - sia nell'impaginazione delle scene che paiono più intonate a un rigore classicista, sia nella costruzione delle figure che, nello Zuccarelli più che nello Zais, mantengono una forza volumetrica segnata anche da una costruzione disegnativa più robusta, specie nelle opere degli anni Trenta-Quaranta, che è sconosciuta allo Zais che preferisce per queste una conduzione più spigliata e compendiaria. Non è difficile, comunque, istituire un paragone assai interessante tra questo dipinto e lo sfondo della pala raffigurante San Girolamo Emiliani presenta i fanciulli alla Vergine, firmata e datata dallo Zuccarelli e presente tra le opere più interessanti della Pinacoteca Repossi. Vi si rintraccia, infatti, lo stesso rigore compositivo, la medesima fragranza cromatica e l'attenzione per la costruzione rigorosa e disegnata delle figure, oltre che una sostanziale assonanza con i caratteri generali della pittura arcadica zuccarelliana.
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 300641793
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Francesco Zuccarelli

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca. 1748 - ca. 1748

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'