Annunciazione

dipinto, 1700 - 1730

In basso sinistra è raffigurata la Vergine all'inginocchiatoio con un libro in mano; grazie ad una torsione del corpo si gira verso sinistra ove si vede l'arcangelo Gabriele che le annuncia la nascita di Cristo; sopra l'arcangelo si vede la colomba dello Spirito Santo; in basso a sinistra due cherubini offrono alla Vergine un giglio bianco.

  • FONTE DEI DATI Regione Lombardia
  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA OLIO SU TELA
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Battista Piazzetta
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi. Raccolte d'arte della Fondazione Biblioteca Morcelli Pinacoteca Repossi
  • LOCALIZZAZIONE Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi
  • INDIRIZZO Via Bernardino Varisco, 9, Chiari (BS)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Non si conosce con esattezza la provenienza di questo dipinto; Terratoli (1991, p. 35), che lo attribuisce al clarense Giuseppe Tortelli, ipotizza che sia proveniente, insieme alla pala raffigurante la Pietà con san Giovanni di Dio, santa Teresa d'Avila e angeli (inv. n. D00009) dall'Ospedale Mellini di Chiari. Dal punto di vista stilistico l'opera non pare attribuibile al Tortelli per il troppo divario esistente tra i modi dell'artista bresciano e la chiarissima matrice veneziana del dipinto, da collocare all'interno di quella che Rodolfo Pallucchini chiama la corrente patetico-chiaroscurale (La pittura nel Veneto. Il Settecento, vol. I, Milano 1994) della quale sono maggiori esponenti Federico Bencovich e il giovane Giovan Battista Piazzetta. Proprio ai caratteri di quest'ultimo sembra far riferimento l'opera clarense, specialmente per i tagli chiaroscurali decisi, la dolcezza sdilinquita delle forme e la pennellata larga che costruisce ampie superfici sulle quali la luce scivola seppur nel greve dell'insistenza dei contrasti di chiaroscuro tipici della pittura del primo Piazzetta e del Bencovich. A questa Annunciazione clarense si possono raffrontare alcune tele dell'artista veneziano, collocabili negli anni Dieci del Settecento, come le quattro tele raffiguranti Contadini (divise tra i musei di Boston e Salisburgo), la Madonna con il Bambino (Detroit, Institute of Arts), frammento della pala della Madonna col Bambino e l'Angelo custode, eseguita verso il 1718-1719, e il Sacrificio di Isacco (Dresda, Gemäldegalerie) di qualche anno successivo. In tutte domina questo senso fortemente chiaroscurale della composizione, desunto dalla scuola dei Tenebrosi, insieme a quanto desunto dall'insegnamento di Giuseppe Maria Crespi; esperienze che portano l'artista a sviluppare fin dalle prime opere il suo metodo di lavoro, sintetizzato da Pallucchini nella "quasi ossessiva fiducia in una forma conchiusa, sensibilizzata nella sottile discriminazione di ombra e di luce" (Pallucchini, cit., p. 299).
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 300641774
  • ENTE SCHEDATORE R03/ Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi
  • LICENZA CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Battista Piazzetta

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1700 - 1730

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'