altare maggiore di Rainaldi Carlo, Specchi Michelangelo, De Rossi Giovanni Antonio, Ferrata Ercole, Caffà Melchiorre, Schor Giovan Paolo (sec. XVII, sec. XVIII)

altare maggiore, ca 1667 - ca 1667
Carlo Rainaldi
1611/ 1691
Michelangelo Specchi
1684 ca./ 1750
Ercole Ferrata
1610/ 1686
Melchiorre Caffà
1635-1638/ 1667
Giovan Paolo Schor
ante 1615/ post 1674

Su tre gradini poggia la mensa parallelepipeda con la fronte decorata a intarsio geometrico di marmi policromi. Sulla mensa è collocato il tabernacolo. Dietro l'altare vi è l'edicola, sorretta da angeli che sembrano spingerla verso l'alto, costituita da due colonne tortili con capitelli compositi sorreggenti un coronamento mistilineo a volute e poggianti su un parapetto emiciclico. Al centro tra nubi in stucco vi è la sacra immagine. Dal fondo fuoriescono angeli in volo confusi tra le nubi bianche. Dietro la cattedra vi è una fitta corona di raggi dorati che fa da cornice all'intera parete d'altare

  • OGGETTO altare maggiore
  • MATERIA E TECNICA MARMO BIANCO
    bronzo/ doratura
    legno/ doratura/ scultura
    marmo pavonazzetto
    ALABASTRO
    stucco/ modellatura/ pittura/ doratura
    Malta
  • ATTRIBUZIONI Carlo Rainaldi: Disegno
    Giovanni Antonio De Rossi: progetto
    Michelangelo Specchi
    Ercole Ferrata
    Melchiorre Caffà
    Giovan Paolo Schor
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Chiesa di S. Maria in Portico in Campitelli
  • INDIRIZZO piazza di Campitelli, 9, Roma (RM)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La grandiosa e scenografica struttura custodisce l'immagine antica di S. Maria in Portico. Come già l'altare nella cappella di S. Anna, anche questo sembra essere stato progettato da Rainaldi. Secondo Minozzi M., "proprio il toponimo legato all'antica collocazione dell'icona, suggerì probabilmente l'idea di incorniciarla all'interno di un baldacchino su colonne tortili direttamente ispirato a quello innalzato a S. Pietro da Gian Lorenzo Bernini; il piccolo elemento architettonico, alla base del quale compare il titolo Romanae Portus Securitas conferito nel 1667 alla sacra immagine, si sovrappone ad una struttura circondata da raggi dorati, sospesa tra nubi e sorretta da angeli, strettamente derivata da un'altra celebre creazione berniniana, la "Cattedra", eseguita proprio in quegli anni (1656-1667) per la basilica vaticana. Le fonti più antiche attribuiscono il disegno dell'opera a Melchiorre Caffà, collaboratore di Bernini; tale attribuzione appare sostenuta dallo stile fluido ed elegante e dall'originale elaborazione del linguaggio berniniano. Tuttavia, in base ai documenti rinvenuti, nei quali l'artista risulta aver percepito un pagamento estremamente esiguo, il progetto è stato attribuito all'architetto Giovanni Antonio De Rossi, firmatario dei disegni. E' comunque verosimile che De Rossi si sia limitato a tradurre graficamente il progetto della struttura, la cui invenzione spetta a Carlo Rinaldi, e che la realizzazione dell'opera, eseguita dallo scultore Ercole Ferrata e dal pittore Giovanni Paolo Schor, abbia fedelmente tradotto il modello scultoreo del Caffà, eseguito in cera nel 1667". L'altare marmoreo reca l'iscrizione riferita all'edificazione dell'altare maggiore, che fu possibile grazie all'aiuto dei cardinali Ruspoli e Almeyda
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1200232054-0
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle arti e Paesaggio di Roma
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici del Lazio
  • DATA DI COMPILAZIONE 1990
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2005
  • ISCRIZIONI sul parapetto dell'edicola - ROMANAE PORTUS SECURITAS - lettere capitali - a incisione - latino

BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Carlo Rainaldi

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Antonio De Rossi

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Michelangelo Specchi

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ercole Ferrata

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Melchiorre Caffà

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovan Paolo Schor

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1667 - ca 1667

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'