scena mitologica e ornati

tabacchiera, ca 1915 - ca 1941

Scatola rettangolare con coperchio

  • OGGETTO tabacchiera
  • MATERIA E TECNICA peltro/ doratura
    porcellana dura/ pittura
    porcellana dura/ doratura
    porcellana dura/ decalcomania
    porcellana dura/ invetriatura
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Tedesca
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Guardaroba di Palazzo Pitti/ Lascito Laguzzi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO Piazza Pitti 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'esemplare appartiene alla collezione del sacerdote Giacomo Laguzzi, da lui stesso donata il 17 agosto 1943 all'allora R. Soprintendenza alle Gallerie per le provincie di Firenze Arezzo e Pistoia (vedi Verbale con l'elenco delle opere consegnate). La collezione fu depositata a Palazzo Pitti presso il Museo degli Argenti (ora Tesoro dei Granduchi), dove fu esposta dopo gli eventi bellici e successivamente trasferita nella guardaroba della Galleria d'Arte Moderna. Essa è costituita da centotré miniature su lastre in porcellana aventi in prevalenza come archetipi dipinti, da venticinque piatti (dodici appartenenti a una serie con raffigurate scene ispirate alle opere di Richard Wagner e i rimanenti decorati con raffigurazioni di gusto naturalistico o tratte da dipinti di maestri dei secoli precedenti) e ancora da sessanta esemplari tra statuette, scatole, vasi e gruppi scultorei. Sempre per volontà del Laguzzi, a questo nucleo sono stati aggiunti nel 1946 alcune miniature, sempre su lastra in porcellana. L'esecuzione dei manufatti che formano questa raffinata e variegata raccolta è prevalentemente riconducibile alle fabbriche di porcellane attive a Dresda (si veda il marchio di fabbrica presente su quasi tutti gli esemplari) ed è databile tra la fine dell'Ottocento e non oltre il 1942, in riferimento all’anno di donazione della collezione. Sono caratterizzati da un gusto tipico dell’epoca e rivelano una tecnica di esecuzione mista con un’alternanza tra la pittura eseguita a pennello e i motivi decorativi floreali e di ornato realizzati in decalcomania con una preferenza per l’oro, come nel caso della tabacchiera qui presentato. Esso è riccamente dipinta con un’alternanza di elementi decorativi vegetali in oro eseguiti a pennello o in decalcomania a rilievo. Sul corpo due cigni fitomorfi affrontati che incorniciano un vaso, mentre il coperchio è finemente decorato a pennello con una scena mitologica forse da identificare nella narrazione del mito di Amore e Psiche, vista la presenza di una fanciulla con un’ampolla in mano, di Mercurio riconoscibile dai suoi attributi e di un uomo barbuto, forse identificabile in Giove. All’interno la tabacchiera è interamente rivestita d’oro e sotto la base, in posizione centrale, presenta un fiore stilizzato, anch’esso in oro, che dalle indagini condotte non risulta identificabile con un marchio di fabbrica, il quale pertanto è da ritenersi assente. Nel Verbale di consegna a Palazzo Pitti, questo esemplare viene indicato come “Fabbr. Vienna marca Alveare”. Per “alveare” in genere si intende il marchio della settecentesca Manifattura Innocentius Du Paquier, che è alquanto inusuale riscontrare su un manufatto del Novecento. Possiamo quindi ipotizzare vi sia stato un fraintendimento nell’interpretazione del fiore sotto la base, peraltro assai diverso dalla rappresentazione dell’alveare
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0901143132
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Le Gallerie degli Uffizi
  • DATA DI COMPILAZIONE 2020

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE