carabina a pietra focaia di Christopher Ries - produzione austriaca (metà XVIII sec)

carabina a pietra focaia, ca 1755 - ca 1760

Arma da fuoco portatile. Canna quadra brunita violetto, segnata internamente da sette righe con distanza tra due pieni di 8 mm

  • OGGETTO carabina a pietra focaia
  • MATERIA E TECNICA LEGNO DI NOCE
    Ottone
    ACCIAIO
    CORNO
  • AMBITO CULTURALE Produzione Austriaca
  • ATTRIBUZIONI Christopher Ries (notizie Dal 1732 Al 1757)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei del Bargello - Museo Nazionale del Bargello
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo del Bargello
  • INDIRIZZO Via del Proconsolo 4, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Arma appartenuta all'imperatore d'Austria Giuseppe II, fratello del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo, prima di essere consacrato re dei Romani (consacrazione avvenuta nel 1764). Il numero 4 sul codolo di culatta indica che in origine apparteneva a una guarnitura da caccia. L'attività del maestro di canne Christopher Ries è documentata a Vienna tra il 1732 e il 1757. Trascrizione dall’Inventario 1878: «Archibuso a pistone canna brunita violetto, rigata all'interno e quadrellata all'esterno. Mira doppia. Batteria bulinata con acciarino alla francese del medesimo autore. Cassa intera di noce montata in ottone dorato con ornamenti a cesello. Lung. della canna m 0,70. Lung. totale m 1,04». La scheda menziona anche il numero 198 di un inventario precedente a quello del 1878, di cui non si ha riscontro
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0901142908
  • NUMERO D'INVENTARIO AM 13
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA I Musei del Bargello - Museo Nazionale del Bargello
  • ENTE SCHEDATORE I Musei del Bargello - Museo Nazionale del Bargello
  • DATA DI COMPILAZIONE 2019
  • ISCRIZIONI sulla canna - Christoph Ris in Wienn - capitale - a bulino - Tedesco
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1755 - ca 1760

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE