monumento ai caduti - ad ara di Nomellini Plinio (sec. XX)

monumento ai caduti ad ara, 1921 - 1921
Plinio Nomellini
1866/ 1943

Il monumento, posto davanti alla chiesa di San Nicolò, presenta una base costituita da una piattaforma a gradini dalla forma rettangolare, alle cui estremità sono poste quattro colonne con capitelli bizantineggianti reggenti un blocco marmoreo (quasi a voler simulare un’ara sepolcrale). Il tutto è arricchito da un’epigrafe dedicatoria contenente una citazione tratta dall’11° libro dell'Eneide ("Le nobili vite, che con il loro sangue ci partorirono questa patria, onoratele con gli ultimi doni")

  • OGGETTO monumento ai caduti ad ara
  • MATERIA E TECNICA Marmo
  • ATTRIBUZIONI Plinio Nomellini
  • LOCALIZZAZIONE chiesa di S. Nicolò
  • INDIRIZZO Via Caprona, 1, Barga (LU)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L’opera, nata dal marmo offerto da Antonio Garfagnini (marmista di Seravezza e allievo del Pascoli) originariamente destinato al monumento sepolcrale dedicato al poeta, è l’elaborazione del progetto disegnato dall’artista livornese Plinio Nomellini riadattato a monumento ai caduti dato che la sua destinazione originaria era stata supplita dalla cappella di famiglia, opera di Leonardo Bistolfi. Il monumento fu allora conteso dal Comune di Barga e dal paese di Castelvecchio, dove si era formato un comitato coordinato da don Alfredo Barré (rettore della chiesa di S.Nicolò) avente come scopo l’edificazione di un monumento accanto alla casa del Pascoli. Fu proprio il rettore a trovare la soluzione al piccolo conflitto intitolando l’opera (inaugurata il 28 marzo 1921) ai caduti sia di Castelvecchio Pascoli che di Barga. I capitelli di carattere bizantineggiante furono scolpiti dal marmista Alfredo Bottari di Pietrasanta. Bib.: "Il Nuovo Corsonna", Barga, 1921, n° 6 e 7; "La Domenica del Corriere", Milano 1921 n° 22, p. 8; E. B. Nomellini, Il monumento ai caduti di Castelvecchio Pascoli. Uno strano caso, in "Libero. Ricerche sulla scultura del primo Novecento", 1994, n° 4; G. Salvagnini, La scultura nei monumenti ai caduti della prima guerra in Toscana, Firenze 1999
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900848256
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Lucca e Massa Carrara
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Lucca e Massa Carrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 2010
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2014
    2016
  • ISCRIZIONI sulla lastra marmorea - QUEST'ARA/ CHE PLINIO NOMELLINI IDEO'/ CASTELVECCHIO PASCOLI/ INALZA OGGI/ 28 MARZO 1921/ A GLORIFICARE I SUOI MORTI PER LA PATRIA/ SILVIO FONTANA - PIETRO BIAGI - LUIGI CONTI - LUIGI ROCCHICCIOLI/ E TUTTI GLI EROI DI BARGA/ E TUTTI I MARTIRI D'ITALIA/ MONITO AI VIVI/ DI/ FEDE SACRIFICIO LIBERTA' ONORE/ ...... EGREGIAS ANIMAS QUAE SANGUINE NOBIS/ HANC PATRIAM PEPERE SUO DECORATE SUPREMI NUMERIBUS....../ VIRG. [...] 24-26/ ANTONIO GARFAGNINI DONATORE - capitale - a incisione - italiano

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Plinio Nomellini

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1921 - 1921

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'