STUDI DI PAESE. paesaggio montano

dipinto, ca 1840 - ca 1860
Markò Karoly Padre
1791/ 1860

La tavoletta, con cornice di legno dorata, lavorata sia sul bordo esterno che su quello interno, rappresenta due diversi scorci dello stesso paesaggio, separati dalla cornice che ne fa due quadri distinti. Si tratta in entrambi i casi di casolari di montagna. Nel casolare a destra, ora esaminato, lo scorcio riprende un fianco del casolare unito, tramite un ponte abitato ad un altro di cui si vede il profilo in ombra. Al di sotto di questo elemento architettonico passa la strada. Sul fondo, appena accennato si intravede il paese. Sulla facciata di destra di questo edifico da una finestra aperta sporgono alcune coperte marroni. I colori usati sono i precedenti, ma l'interferenza dell'azzurro è più marcata

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
    tavola
  • MISURE Altezza: 22
    Larghezza: 16.3
  • ATTRIBUZIONI Markò Karoly Padre
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Pinacoteca Comunale Foresiana, collezione Mario Foresi
  • LOCALIZZAZIONE Centro Culturale De Laugier
  • INDIRIZZO Salita Napoleone, Portoferraio (LI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE ..."Più complessa dovrebbe essere l'analisi dello sviluppo dalla metà deglianni Trenta in poi della pittura di paese, la cui produzione aumenta in progressionegeometrica a dispetto di ogni contrario dogma culturale (...) e con una varietàe pluralità di tendenze che, in via del tutto preliminare, ci azzardiamo a interpretarecome tentativo di rompere, con tattiche differenziate, il monopolio della pitturadi figura; finirà, come sappiamo, col successo della macchia (...) e con lasconfitta delle altre tendenze: la scuola di Staggia, rappresentata dall'unghereseCarlo Markò padre, e la traduzione della pittura romantica svizzera di paesaggioportata a Firenze dal piemontese Camino (...) (S. Pinto, Sfortunata Accademia).L'inventario redatto dal Marini riporta accanto a Carlo Markò la data di nascitadi Carlo Markò padre; tuttavia questi due studi di paese piuttosto che rientrarenel consueto filone di Markò sen., il paesaggio romantico, si inseriscono nellabreva fase sperimentale che fu vissuta anche da lui negli ultimi anni dellasua vita, ma di cui furono protagonisti i figli Carlo e Andrea: gli studi all'ariaaperta, condotti intorno alla località di Staggia da cui prende il nome quellascuola pittorica. E' un primo, serio tentativo, sulla scia del Calame e delPointeau, di ridare al paesaggio una propria dignità linguistica, senza doverricorrere ad un lessico metaforico e sempre ammiccante ad un passato senz'altropiù aulico e altisonante. Nei cataloghi delle esposizioni della società promotricedegli anni compresi tra il 1846 e il 1851 si leggono i nomi degli artisti chesi cimentavano in questo esperimento, molti dei quali presenti nella raccoltaForesi: Lefevre, Leblanc, Morghen e i Markò. Ma mentre del padre si leggonoi titoli che ancora alludono a paesaggi d'invenzione, i due fratelli esponevanovedute dal vero della Verrucola, delle Alpi Apuane e dell'Elba. Questi due studidi paese, eseguiti dal vero negli anni '50 possono, dunque, essere o un'operatarda di Carlo Markò, o - e con molta più probabilità, trattandosi di un paesaggiodi montagna ripreso dal vero - un lavoro di suo figlio Carlo (Budapest 1822/Mosca 1891). I cascinali sono descritti nella loro sobria, scarna architettura.I due panni appoggiati l'uno al balcone e l'altro alla finestra vi aggiungonoil particolare di vita quotidiana che rende ancor più vera e attuale la scenaritratta. La luce è ancora quella 'innaturale' dei paesaggi romantici, ma giàil quadretto di destra, nello squarcio della strada illuminata in basso, rammentale soluzioni adottate dall'Abbati nei molti quadri con interni in ombra chesi aprono su paesaggi rischiarati dalla luce del sole (cfr. Allegato n. 1, 1922/07/04, n. 95; Elenco materiali, 1963, n. 124)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900532280
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Pisa e Livorno
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico artistico e demoetnoantropologico di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 2002
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI sul retro - DUE STUDI DI CARLO MARKO' - corsivo - a matita -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Markò Karoly Padre

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1840 - ca 1860

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'