ritratto del Gran Principe Ferdinando

dipinto, 1697 - 1697

Il pastello è ancora ornato della sua cornice originale in "pero tinto di nero e filettato d'oro" descritta nell'inventario del 1781, e protetto da un cristallo

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pastello
  • ATTRIBUZIONI Tempesti Domenico (1655 Ca./ 1737): esecutore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo della Villa Medicea di Poggio a Caiano
  • LOCALIZZAZIONE Villa medicea di Poggio a Caiano
  • INDIRIZZO Piazzetta de' Medici, 16, Poggio a Caiano (PO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il quadro, nel 1697, non si trovava ancora a Poggio a Caiano nel gruppo di pastelli del Tempesti di proprietà del Gran Principe Ferdinando, al suo posto c'era il Ritratto di vecchio con medaglia al collo ora agli Uffizi. Molto probabilmente, fu proprio il principe che, tolto quel ritratto per il 'gabinetto di opere in piccolo', lo sostituì con il proprio, disegnanto sempre dal Tempesti. Lo troviamo per la prima volta nel 1781, con gli altri, nella stanza d'angolo a terreno a uso di camera verso sud-est, dove viene identificato come il ritratto di Ferdinando.Lo stile del pastello, non può far altro che confermare la sua attribuzione a Domenico Tempesti, di cui esiste un altro simile ritratto del Gran Principe conservato agli Uffizi e pagato al Tempesti il 12 marzo 1685
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900375035
  • NUMERO D'INVENTARIO OdA Poggio a Caiano 173
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Villa Medicea di Poggio a Caiano e Museo della Natura Morta
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1998
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2013
    2006
  • ISCRIZIONI sul retro - 878 (azzurro) - numeri arabi - a matita -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Tempesti Domenico (1655 Ca./ 1737)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1697 - 1697

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'