stazioni della via crucis

stampa colorata a mano stampa di invenzione, 1790 - 1810
Agricola Luigi
1758-1759/ 1821
Giuseppe Sforza Perini
1748/ 1797 ca
Giovanni Petrini
notizie 1750-1810

Personaggi: Cristo. Oggetti: croce

  • OGGETTO stampa colorata a mano stampa di invenzione
  • MATERIA E TECNICA carta/ acquaforte/ acquerellatura
  • ATTRIBUZIONI Agricola Luigi: inventore/ disegnatore
    Giuseppe Sforza Perini: incisore
    Giovanni Petrini
  • LOCALIZZAZIONE Pontassieve (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Luigi Agricola, inventore e disegnatore della Via Crucis, fu un affermato artista di tendenza neoclassica che ricoprì un ruolo importante nell'Accademia del nudo e durante il regno napoleonico a Roma nel primo ventennio dell'Ottocento (cfr. La pittura in Italia. L'Ottocento, Milano, 1991, II, p. 659 - biografia a cura di G. Sica). Nonostante abbia realizzato parecchi dipinti per sedi ecclesiastiche e del governo napoleonico, l'attività di Luigi Agricola è caratterizzata, fin dall'ultimo decennio del Settecento, dall'esecuzione di numerosi disegni preparatori per stampe singole o per raccolte di tematica sia laica che religiosa che documentaria (cfr. le stampe illustrative del Museo Pio Clementino). Si sa che l'artista partecipò anche alla realizzazione di una Via Crucis di cui possiamo arguire che la presente serie costituisca una tiratura ma della quale non si conosce la datazione. Per confronti stilistici la serie non sembra comunque molto lontana dal dipinto per Sant'Antonio dei Portoghesi realizzato nel 1801 e raffigurante "Santa Elisabetta Regina del Portogallo riconcilia il marito col figlio". Scarse le notizie relative agli incisori della serie. Nessun dato è stato reperito circa Giuseppe Perini, autore di 8 delle 14 stampe ritrovate nella Cappella della Beata Umiliana e che sembra tradurre i disegni di Luigi Agricola con uno stile vigoroso, caratterizzato da forti contrasti luministici, da una risentita definizione plastica delle anatomie e da un'espressività piuttosto caricata. Più morbido e meno contrastato, di una sensibilità ancora discendente dalla grazia tardo settecentesca anche nella scelta di un'espressività più edulcorata,è lo stile incisorio di Giovanni Petrini che Giorgio Milesi (cfr. Dizionario degli incisori, Bergamo, 1989) dice attivo a Roma dal 1750 al 1810. Per tutti gli elementi sopra indicati, le 14 stampe della Via Crucis possono essere datate tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento. Pur non essendo certi che si tratti della stessa serie, nella Calcografia Nazionale di Roma sono conservati i rami di 16 stampe (una delle quali è un frontespizio inciso da Pietro Leo Bombelli (Roma 1737-1809) su disegno di Luigi Agricola (cfr. C.A. Petrucci, Catalogo generale delle stampe tratte dai rami incisi posseduti dalla Calcografia Nazionale, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1953, catalogo n. 1, pp. 27, 133). Le misure dei rami, 31 x 18, sono tuttavia piuttosto difformi dalle stampe: questione che risultano molto più piccole; inoltre, alla voce Perini Giuseppe e Petrini Giovanni non risultano citazioni di rami eseguiti da disegni di Luigi Agricola
  • TIPOLOGIA SCHEDA Stampe
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900333068-0
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici delle province di Firenze, Pistoia e Prato
  • DATA DI COMPILAZIONE 1996
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006

BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Agricola Luigi

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giuseppe Sforza Perini

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Petrini

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1790 - 1810

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'