paramento liturgico, insieme - manifattura lucchese (?) (metà sec. XIX)

paramento liturgico, 1840 - 1850

Paramento liturgico composto da un pianeta, una stola, manipolo, borsa e velo di calice, in taffetas marezzato viola, con ricami in oro filato, riccio, lamellette, pailllettes e canutiglia di argento. Trina a fuselli in oro filato, riccio e laminette di cm. 2 e 4. Fodere in taffetas viola

  • OGGETTO paramento liturgico
  • MATERIA E TECNICA seta/ taffetas
    seta/ taffetas/ marezzatura
    paillettes/ ricamo
    oro canutiglia/ ricamo
    oro filato, lamellare e riccio/ merletto a fuselli o tombolo
    argento canutiglia/ ricamo
    oro filato, lamellare e riccio/ ricamo
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Lucchese
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria del Costume
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO P.zza Pitti, 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il paramento giunge a Firenze il 28 ottobre 1868 da Piacenza (mandato n.700), in seguito allo spoglio degli ex-palazzi ducali avvenuto in quegli anni. Faceva probabilmente parte del patrimonio della cappella di S.Lodovico di Parma, come testimonia il numero ricamato sulla fodera preceduto da S.L., riscontrato in altri paramenti provenienti dalla stessa cappella. Per tipo di ricamo, di grande effetto, ma non particolarmente raffinato e tipo di marezzatura, la pianeta è databile agli anni 1840-50. Dopo pochi anni dal suo arrivo a Firenze, la pianeta fu destinata prima alla cappella della villa della Petraia, poi a quella di Castello, dove rimase fino al 1966, quando gli arredi della villa furono rimessi a Palazzo Pitti
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900190809
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • ISCRIZIONI sulla fodera, a punto croce - S.L. 343 - numeri arabi - a ricamo -

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1840 - 1850

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE