acquasantiera di Pieratti Domenico (sec. XVII)

acquasantiera,
Domenico Pieratti
1600/ 1656

L'acquasantiera in marmo bianco, è appoggiata al muro della retrofacciata, ed è costituita da una parasta scolpita con un angioletto, con due ampi panneggi a fiocco, in atto di sostenere un largo bacile sulla testa. Quest'ultimo, che contiene l'acquasanta, è sempre scolpito in mamro con una baccellatura sul corpo e due anse ai lati

  • OGGETTO acquasantiera
  • MATERIA E TECNICA marmo bianco/ scultura
  • ATTRIBUZIONI Domenico Pieratti: esecutore
  • LOCALIZZAZIONE Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Delle due pile riferisce il Cinelli (1677) affermando che sono "di marmo carrarese di mano di Pieratti, uomo di molto valore ed eccellenza nella scultura". In seguito le antiche fonti precisano il nome dell'autore Domenico Pieratti. La stessa attribuzione è pubblicata dai Paatz (1952) che la ritengono eseguita attorno alla metà del secolo. Di Domenico Pieratti sappiamo che fu allievo di Andrea Ferrucci e che lavorò a lungo a Roma e a Firenze (cfr. Gruppo di Ercole, palazzo Galli Tozzi; e per Cosimo I, statue per Palazzo Pitti e Boboli). Queste due acquasantiere vanno, a nostro parere, datate nella maturità dell'artista, in quanto si nota come qui egli mostri di essere venuto a conoscenza e aver assimilato il linguaggio e i modi espressivi del Bernini e del Duquesnoy sia nelle rotondità plastiche dei puttini sia nel panneggiare ampio dei loro perizomi
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900131849
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici delle province di Firenze, Pistoia e Prato

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Domenico Pieratti

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'