orciolo da farmacia, 1641 - 1660

Serie di due orcioli da farmacia dal corpo ovoidale, piede a colletto appena accennato e anse a guisa di delfino; decorato da una ghirlanda di fiori e frutta che incornicia la croce di S. Stefano; la parte restante è decorata da un cartiglio e da fiori e girali; colori: giallo, ocra, delineato di bruno, turchino

  • OGGETTO orciolo da farmacia
  • MATERIA E TECNICA ceramica/ smaltatura
  • MISURE Altezza: 41 cm
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Di Montelupo
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo di Palazzo Davanzati
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Davanzati già Davizzi
  • INDIRIZZO Via Porta rossa, 13, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Bella coppia di orci da farmacia prodotti dalla manifattura di Montelupo verso la metà del secolo XVI. Il carattere della decorazione si ritrova in numerosissimi esemplari di questo periodo. Questi orcioli presentano nella forma e nel decoro analogie con una serie i contenitori da farmacia della produzione di Montelupo intorno alla metà del XVII secolo, posti dal Berti (1999) in relazione ad una fornitura per un ospedale fiorentino posto nel beneficio dell'ordine di Santo Stefano. Questi due orcioli, come altri molto simili del Museo di Faenza, pubblicati da Berti (1999) presentano sotto l'ansa un monogramma RA riferibile presumibilmente alla bottega. La croce potrebbe indicare anche la provenienza da una associazione religiosa di assistenza come quella di San Giovannino dei Cavalieri Ospitalieri, o l'ordine dei Cavalieri di santo Stefano
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900075623
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA I Musei del Bargello - Museo di Palazzo Davanzati
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1976
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2004
    2006
    2016

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1641 - 1660

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE