Adamo ed Eva dopo la cacciata dal Paradiso Terrestre

dipinto, 1640 - ca 1660
Francesco Albani
1578/ 1660

n.p

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 56.5 cm
    Larghezza: 71 cm
  • ATTRIBUZIONI Francesco Albani
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Palatina e Appartamenti Reali
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO Piazza Pitti 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il dipinto compare, con l'attribuzione all'Albani, nella collezione di Ferdinando de' Medici, figlio di Cosimo III granduca di Toscana, a Palazzo Pitti (Chiarini 1975). Una descrizione più particolareggiata compare anche nel grande inventario generale dei quadri di Palazzo Pitti degli inizi del Settecento (Guard. med. 1185, c. 72). L'opera è citata da Evelina Borea, nel catalogo della mostra di Palazzo Pitti del 1975 sui pittori bolognesi, come perduta. La tela è pervenuta nei depositi del Soffittone in pessime condizioni di conservazione, tanto da essere considerata quasi illeggibile dalla Puglisi (1983), che sembra tuttavia accettarla nel catalogo dell'Albani. Nonostante l'intervento di restauro, effettuato in occasione della mostra di Palazzo Pitti del 1995, il suo stato è sempre problematico, per l'impoverimento e l'usura della superficie pittorica, anche se la visibilità dell'opera è notevolmente migliorata. Attualmente il dipinto presenta delle debolezze di fattura che caratterizzano la più stanca fase tarda della produzione dell'Albani
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900035149
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1975
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2009
  • ISCRIZIONI retro tela - 983 (nero) - numeri arabi - a pennello -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Francesco Albani

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1640 - ca 1660

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'