beato Pio V

dipinto, 1650 - 1674
Giovanni Montini (attribuito)
notizie secondo quarto sec. XVII-terzo quarto sec. XVII

n.p

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 94.7 cm
    Larghezza: 74.5 cm
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Montini (attribuito)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto
  • LOCALIZZAZIONE Monastero di S. Michele a S. Salvi (ex)
  • INDIRIZZO via di S. Salvi, 16, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'ottagono proviene dal monastero di S. Apollonia di Firenze, come attesta un cartellino manoscritto incollato sul retro della tela. L'inventario del 1881 lo descrive già come "sfondato affatto"; mentre quello del 1890 fornisce l'identificazione con Pio V anche se questi è detto erronemente Santo. In realtà la presenza dei raggi luminosi intorno alla testa, invece dell'aureola, significa che il papa domenicano era ancora un Beato. Ciò potrebbe fornire, ma non necessariamente, il post quem per la data di esecuzione del dipinto; infatti Pio V fu beatificato nel 1672 (la canonizzazione avvenne solo il 22 maggio 1712: cfr. A.ISZAK, in 'Bibliotheca Sanctorum', X, Roma, 1968, col. 895). L'autore della tela, indicato come anonimo del secolo XVII nelle citazioni inventariali (1881 e 1890), è invece da identificare sicuramente con Giovanni Montini il quale, come si apprende da documenti inediti, morì a Firenze nell'agosto del 1673 (cfr. Archivio di Stato di Firenze, 1669-1694 e 1671-1690). L'attribuzione è sostenuta dal confronto con altre opere del pittore, quali ad esempio il 'San Domenico resuscita un bambino', conservato nel Museo dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze (cfr. A M. Giusti, 1978). Stilisticamente l'ottagono di San Salvi sembra appartenere alla fase tarda del Montini il quale lungo tutto il corso della sua attività, ancora pressochè inedita, si mostra dipendente dal suo maestro, Jacopo Vignali. Il 'Beato Pio V' doveva far parte di una serie, infatti si possono indicare altri ottagoni con le stesse misure e la stessa provenienza dal monastero di S. Apollonia, con i seguenti numeri dell'inventario del 1890: 7174 (GR 6143), 7176 (scheda OA 0900035053), 7180 (scheda OA 0900035175), 7181 (scheda OA 0900039808) tutti da restituire al Montini ad eccezione, sembrerebbe, del 7180
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900035128
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Cenacolo di Andrea del Sarto - Firenze
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1989

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Montini (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1650 - 1674

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'