vasetto con coperchio, serie - manifattura di Sèvres (XVIII)

vasetto con coperchio, ca 1757 - ca 1757

Vasetti con pomello del coperchio modellato a forma di fiore

  • OGGETTO vasetto con coperchio
  • MATERIA E TECNICA porcellana/ invetriatura/ pittura/ doratura
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Di Sèvres
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo delle Porcellane
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO P.za Pitti, 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Queste tazze sono probabilmente identiche a quelle da gelato, all'epoca in numero molto maggiore che, insieme con centinaia di altri pezzi di porcellana, vengono nominate nel 1802 nell'inventario della R. Canditeria del Palazzo di Parma. Sono descritte come: "porcellana di Francia, fondo bianco, miniata a fiori diversi, con contorno bleu, e filetti in oro" (Parma, Archivio di Stato, Corti Borboniche di Lucca e Parma, Busta 1, Spedito n. 29, p. 9). A Palazzo Pitti si conservano ancora molti esemplari di porcellana di Sèvres corrispondenti a questa descrizione. È probabile che si tratti di rimanenze di questo servizio (vedi inv. nn. 830, 863, 831, 834, 845-7, 864-5). Dai conti conservati risulta che almeno due volte, seppur con un intervallo di undici anni, vennero comperate per la corte di Parma grandi quantità di porcellana bianca di Sèvres ornata con fiori. La prima volta accadde nel 1758, stando all’indicazione della fattura menzionata nell'inventario n. 12 e n. 17. Nel conto figurano infatti 36 piatti, 2 saliere e 10 recipienti da marmellata, tutti bianchi e con fiori, ed in più 14 tazze da gelato che, a giudicare dal prezzo, dovevano anch'esse avere questa decorazione, anche se più semplice. Il successivo ordine del 1769 (l'acquisto è menzionato nell'inventario nn. 845-847) appare più consistente e a questo si aggiungono le alzate per ostriche (inv. nn. 851-860) acquistate nel 1760. Certamente non si possono escludere altri acquisti al momento non documentabili o regali di Luigi XV, notoriamente generoso verso sua figlia e il genero. L'inventario Argenti e Vasellami, 1879, nn. 1859-1860 cita: "8 vasetti" (vedi inv. n. 816 per 5 vasetti. Un vasetto rottosi nel 1905), mentre l'inventario Frutteria, 1878, n. 2174 indica: "4 vasetti", infine l'inventario Porcellane da Tavola, 1866, n. 604 annota: "14 vasetti". I nostri esemplari sono stati decorati nel 1757, come rivelato dalla lettera E apposta sotto la base. Presentano mazzi di fiori variopinti su fondo e bordi filettature in blu e oro bianco sono pervenuti da Sala Baganza il 30 marzo 1868
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900006058
  • NUMERO D'INVENTARIO AcE 830
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Le Gallerie degli Uffizi
  • DATA DI COMPILAZIONE 1972
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
    2020
  • ISCRIZIONI sotto la base - E (produzione dell'anno 1757) - lettere capitali - a pennello -
  • STEMMI sotto la base - fabbrica - Marchio - Manifattura di Sevres - rombo con volute esterne, o “L” incrociate, oppure monogramma reale e un trifoglio sotto, in blu sotto vernice
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1757 - ca 1757

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE