coppa, opera isolata - ambito faentino (inizio sec. XVI)

coppa, ca 1500 - ca 1510

Coppa amatoria poco profonda, con la parete leggermente arcuata e il piede grande e concavo

  • OGGETTO coppa
  • MATERIA E TECNICA maiolica/ pittura
  • AMBITO CULTURALE Ambito Faentino
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale di Ravenna
  • LOCALIZZAZIONE Monastero benedettino di San Vitale (ex)
  • INDIRIZZO via San Vitale, 17, Ravenna (RA)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La coppa presenta una decorazione di carattere simbolicamente amatorio. Sul fondo, al centro, vi è una figura femminile con un libro e una coppa, in un paesaggio di antichi borghi e prati fioriti. Ai lati della figura femminile le lettere “S” e “A” paraffate. Tutto intorno si trova una scritta anagrammata risultante dalla combinazione di parole e note musicali. La parete reca una fascia con grottesche policrome, con cani accosciati e “monstra” su fondo azzurro scuro. Sul bordo corre un'altra scritta mutila. Sulla parete esterna si trovano grandi ovali azzurri riempiti con linee orizzontali azzurre e arancioni. Il piede reca la lettera "P" paraffata. La figura è ripresa da una stampa rappresentante Giuditta con la testa di Oloferne, di Jacopo de' Barbari, della quale viene utilizzata la parte superiore. Nella coppa “Giuditta” diventa una figura di donna, forse allusiva ad una persona reale con il nome di una Santa, probabilmente Agata, attraverso modificazioni suggerite dalle dimensioni dell’oggetto, da necessità tecniche e probabilmente da ragioni di committenza. Il nastro sul capo di “Giuditta” viene eliminato e si aggiungono un libro e una coppa in sostituzione della spada e della testa di Oloferne. Sulla coppa si trovano due capezzoli o due occhi in riferimento al nome della Santa, di cui il maiolicaro può aver frainteso gli attributi. Si ritiene che possa essere proprio un’Agata, musicista e letterata (le scritte e il libro), alla quale era indirizzato il dono di frutta o di leccornie, contenute nella “coppa d’amore”, che può essere stato oggetto di un successivo omaggio alla Santa omonima, spiegando così il rinvenimento nel recinto della Chiesa ravennate. (Riferimenti BIB: 00000152)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800105219
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna Ferrara Forli'-Cesena e Rimini
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna Ferrara Forli'-Cesena e Rimini
  • DATA DI COMPILAZIONE 1974
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2014
  • ISCRIZIONI al centro, ai lati della figura femminile - S A - operatore museale - capitale - a pennello - latino
  • DOCUMENTAZIONE ALLEGATA scheda catalografica (1)
  • LICENZA CC-BY 4.0

LOCALIZZATO IN

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1500 - ca 1510

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE