stalli del coro, insieme di Zamara Clemente (sec. XVI)

stalli del coro, 1500 - 1500
Clemente Zamara
notizie fine sec. XV-post 1536

coro formato da due ordini di stalli disposti su tre lati. L'ordine inferiore presenta otto stalli per lato: gli stalli laterali a destra e a sinistra sono caratterizzati da divisori a volute arricchite da rosette e coronamento con intagli che raffigurano il pellicano che nutre i piccoli, inserito tra girali vegetali, alternato a calice con il Santissimo Sacramento. Gli stalli centrali dell'ordine inferiore, invece, sono privi di decorazione. L'ordine superiore è composto da undici stalli centrali e da dieci stalli per il lato destro e altrettanti per il lato sinistro. Tali stalli sono scanditi da divisori a volute e al centro, ad eccezione dei sette stalli centrali del lato centrale, recano del dossale formelle intarsiate a motivi geometrici entro cornici lisce alternate a cornici anch'esse intarsiate. Coronamento in forte aggetto, che corre lungo i tre lati dell'ordine superiore degli stalli, scandito da serie di archi inflessi su peducci a volute, decorati da teste di angioletto e motivi vegetali. Sopra gli archi si impostano cornici continue a perlinature, fregio intarsiato a motivi geometrici e, infine, cornici aggettanti a dentelli, rette da motivi a mensola

  • OGGETTO stalli del coro
  • MATERIA E TECNICA MADREPERLA
    legno di noce/ intaglio/ intarsio
  • MISURE Profondità: 1.95 m
    Altezza: 2.95 m
    Larghezza: 10 m
  • ATTRIBUZIONI Clemente Zamara
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Chiesa di S. Giuseppe
  • INDIRIZZO Vicolo San Giuseppe, Brescia (BS)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il coro proviene dalla chiesa del convento di S. Rocco demolito in seguito alla famosa spianata decretata dal governo veneto nel 1516. Nella nuova sede il coro viene modificato con l'aggiunta degli stalli della parte centrale privi di decorazine. Fino al 1957 gli intarsi sono coperti dal deposito di secoli di polvere, tanto che nell'Inventario Bianchi il coro fu definito "circondario di sedie logoro". Nel 1957, invece, è avviato il restauro che ha recuperato gli intarsi originari. Nelle formelle intarsiate dei dossali Clemente Zamara, che appone firma e data "1500", recupera motivi alla certosina, ovvero motivi geometrici, che ripropone con poche varianti. Il precedente di tali decorazioni può essere rintracciato a Brescia nel coro ligneo di S. francesco commissionato nel 1483 dal padre Francesco Sanson, per il quale la critica più recente (Begni Redona, 1994, p. 108) propone un riferimento alle geometrie visibili nei tappeti persiani. Tuttavia, a nostro avviso, il gusto squisitamente geometrico degli intarsi, spesso proiezione del quadrato, rimanda all'arte islamica affermatisi in Europa nei territori di pertinenza araba, soprattutto alle formelle in stucco o agli azulejos delle decorazioni realizzate nel sec. XIV per la Torre de Comares e per la Torre de Las Infantas dell'Alhambra di Granada, in Andalusia. Rimane sconosciuto il canale per cui tali decorazioni arrivarono e si diffusero in Lombardia, tanto che anche il pavese Cristoforo Rocchi, a cui è stato attribuito il coro di Rodengo, propone gli stessi decori geometrici alla certosina nei sedili inferiori del coro, mentre per i sedili superiori passa all'intarsio figurato e prospettico rinascimentale. In tal senso Zamara appare fores un poco attardato, anche se il gusto per i motivi geometrici perdura anche nelle più tarde realizzazioni per la sagrestia di S. Francesco e negli inginocchiatoi dei Virchi. per la figura di Clemente Zamara v. Prestini, 1989, p. 176, n. 279 (con bibliografia precedente). Per le formelle intarsiate dei dossali degli stalli cfr. NCTN 03/000149216.1- 03/000149216.30)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0300149216-0
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Bergamo e Brescia
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Mantova Brescia e Cremona
  • DATA DI COMPILAZIONE 2001
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI nel bracciolo del qinto scanno del lato centrale - HOC OPUS INSIGNIS/ FECIT ZAMARA CLEMENTIS/ INGENIOQUE CLARAS TOLLIT AD ASTRA SUO/ A.S.N. MCCCCC - lettere capitali - a caratteri applicati - latino
  • LICENZA CC-BY 4.0

BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Clemente Zamara

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1500 - 1500

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'