Chiesa della S. Annunizata a Fonseca o dell'Annunziatella

Napoli, 1617 - 1617
Ignoto
Ignoto

Modesta fabbrica prospettante su via Fonseca e contigua ad un moderno edificio a sette piani. Ambiente unico e pianta rettangolare, su cui aprono, con archi a tutto sesto, sei cappelle laterali (tre per lato) di diverse profondità. Le prime due, a partire dall'ingresso, consistono in un'arcata cieca di modeste profondità. Le successive due cappelle a destra sono occupate da altarini marmorei, così come le corrispondenti a sinistra, che si presentano però di maggiore spessore. La scansione della navata è determinata dunque dalla consueta successione di arcate a tutto sesto alternate a pilastri rettangolari, su cui poggiano paraste con capitelli corinzi. L'ambiente è coperto da una volta a botte ripartita in quattro campate da tre fasce trasversali in stucco. La prima campata, occupata dall'ingresso, è separata dalla successiva mediante un arcone a tutto sesto poggiante su due snelli pilastri rettangolari addossati alle pareti perimetrali. Le volte delle tre campate successive sono caratterizzate da un grosso medaglione centrale in stucco e da lunette che si spingono fino alla chiave della volta e che contengono finestroni rettangolari strombati. L'ambiente è concluso dall'abside semicircolare; il semicatino è tripartito da due lesene, che racchiudono tre lunette; quella centrale contiene un finestrone rettangolare. Il presbiterio è delimitato da una balaustra marmorea. La facciata della chiesa, su via Fonseca, è stretta tra un vecchio edificio, a sinistra, ed un moderno palazzo di sette piani, sulla destra. La sueprficie è divisa in tre fasce sovrapposte: lo zoccolo basamentale in conci di pietra lavica, un primo ordine di lesene ioniche ed un secondo di lesene corinzie; i due ordini sono separati da una grossa trabeazione. La campata centrale del I ordine contiene un modesto portale architravato in pietra. Il II ordine presenta invece un finestrone centrale ad arco e due finestre laterali cieche. Timpano conclusivo triangolare

  • OGGETTO chiesa-parrocchiale
  • AMBITO CULTURALE Ambito Meridionale
  • ATTRIBUZIONI Ignoto: progetto
  • NOTIZIE La chiesa della S.Annunziata, detta dell'Annunziatella di Fonseca, fu costruita per iniziativa e a spese del Cardinale Decio Carafa nel 1617. Successivamente, ma in epoca di difficile determinazione, fu secondo il Celano, che tra l'altro, ne accenna soltanto perchè quasi di niun conto - rifatta a spese dei parrocchiani. La denominazione di Fonseca deriva dal fatto che essa fu costruita su un terreno della Mensa Vescovile, concesso poi a Ugo Fonseca. Quasi certamente il secondo intervento sulla chiesa - quello che il Celano definisce "a spese dei parrocchiani" ne dovette modificare sostanzialmente l'aspetto esterno e interno, oggi del tutto estraneo alla figuratività barocca. Nel 1959 poi si è proceduto ad un nuovo intervento di restauro soprattutto dell'interno; la modifica più sostanziale ha riguardato l'abbattimento dell'arco trionfale posto a circa un quarto della lunghezza dell'aula (dopo la prima campata, occupata dall'ingresso), arco che, in quel punto, restringeva notevolmente la larghezza e la prospettiva della chiesa. Esso è stato sostituito così da un arco più ampio, che scarica su due esili pilastri addossati alle pareti. Sono stati altresì restaurati gli stucchi e sostiuito il pavimento
  • LOCALIZZAZIONE Napoli (NA) - Campania , ITALIA
  • INDIRIZZO Via Fonseca 26, Napoli (NA)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Architettura
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1500027620A
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per il Comune di Napoli
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per il Comune di Napoli
  • DATA DI COMPILAZIONE 1978
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2020
  • DOCUMENTAZIONE ALLEGATA scheda storica (1)
  • DOCUMENTAZIONE GRAFICA estratto di mappa catastale (1)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ignoto

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1617 - 1617

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE